‘Ndrangheta, i voti delle cosche a politici di destra e sinistra. Così il sindaco arrestato voleva diventare leghista. Nelle carte anche il presunto ricatto “elettorale” all’ex governatore Scopelliti

Dalle intercettazioni dell'inchiesta della Dda di Catanzaro Eyphemos ne escono tutti a pezzi: candidati arrestati e candidati che non compaiono nemmeno nell’elenco degli indagati. La cognata del primo cittadino ai domiciliari disse che un generale avrebbe potuto aiutarlo

“Come nelle migliori tradizioni ‘ndranghetiste, anche la politica, tutta, è terreno elitario di interesse mafioso”. In questo passaggio dell’ordinanza di custodia cautelare, il giudice per le indagini preliminari Tommasina Cotroneo sintetizza il quadro emerso dall’inchiesta “Eyphemos”, coordinata dal procuratore Giovanni Bombardieri, dall’aggiunto Gaetano Paci e dal sostituto procuratore della Dda Giulia Pantano. Nell’operazione della Squadra mobile sono state...
la provenienza: Il Fatto Quotidiano

2020-02-27 16:52
Ultime notizie a Il Fatto Quotidiano
Oggi 19:07 Coronavirus, Giovanni Rezza (Iss): “Vaccino? Alcuni sono molto avanti. Ho fiducia che virus non muterà del tutto”
Oggi 19:07 Coronavirus, “Covid assomiglia a una rara malattia immunitaria”. A Livorno farmaco usato in ematologia efficace su 8 pazienti
Oggi 19:07 Sono le Venti torna stasera, ecco le anticipazioni di Peter Gomez. Appuntamento alle 19.55 sul Nove
Oggi 19:07 “Al numero 6 non basta più l’ossigeno, chiama la famiglia” Al fronte - Nel reparto di terapia intensiva in un ospedale di Bergamo tra pazienti senza nome, attaccati alle macchine per sopravvivere Oggi in Edicola - iscriviti alla newsletter e ricevi ogni mattina le principali notizie. ISCRIVITI di Francesca Borri | 3 Aprile 2020 In un angolo, nove sacchi trasparenti che neppure noti tra le attrezzature ancora imballate di questa terapia intensiva allargata d’urgenza. Ma poi, dentro, intravedi delle Nike da corsa, un Twix. Un orologio. Sono gli effetti personali dei 10 ricoverati: uno è stato appena consegnato alle pompe funebri. Perché ora che i funerali sono sospesi, questo è tutto quello che la tua famiglia rivedrà di te. Muori solo, a Bergamo, senza avere accanto i tuoi cari. E solo vai al cimitero, con un prete che benedice la tua bara con un iPhone sopra perché a casa possano sentire. Fino al 10 marzo, il Policlinico San Pietro, parte del Gruppo San Donato, quello del San Raffaele di Milano, era rinomato per altro: fecondazione assistita e ortopedia. Non aveva mai avuto un reparto Malattie Infettive: ora, invece, i suoi 254 posti sono tutti Covid-19. E i 4 di terapia intensiva sono diventati 10. Ma quella che un tempo era l’area dei malati più critici, ora è riservata a quelli con più probabilità di sopravvivere. Mentre scrivo, in Italia siamo a 92.472 contagiati e 10.023 morti, e la Lombardia, con le sue 5.944 vittime, resta la zona più rossa. Tra i positivi, qui si ha un decesso ogni 3 minuti e 35 secondi. “E un po’ è anche l’effetto dell’ordine di curarsi a casa il più a lungo possibile. Di telefonare al 118 solo quando proprio si fa molta fatica a respirare”, dice Bruno Balicco, il medico che attualmente è tornato dalla pensione a dirigere il reparto, perché il primario si è ammalato di Covid-19. Un ordine inevitabile, perché gli ospedali sono intasati. E le bare così tante, che è l’esercito a portarle via. O si avrebbe un’epidemia nell’epidemia. “Ma così i malati arrivano qui allo stremo. Con i polmoni ormai compromessi”, dice. Come il paziente 6, che nonostante i tubi, cerca aria. Disperatamente. Ha 67 anni, e nessun’altra patologia. Alla sua sinistra, un monitor indica frequenza cardiaca, pressione, temperatura e livello di ossigeno nel sangue. Ora che ai parenti è vietato entrare, questo è tutto quello che si sa di una vita: cifre, diagrammi, percentuali. Su un ripiano, accanto a due boccette di medicine, non c’è che un foglio fitto di tabelle, ma non c’è il nome. A un tratto, il corpo ha come un sussulto. E si accende una luce rossa. Un’infermiera si precipita, gli armeggia intorno. Fino a quando la luce si spegne. Dopo un paio di minuti, inizia a lampeggiarne un’altra. “I malati sono tutti uguali – dice Balicco –, hanno tutti lo stesso virus, ma sono tutti diversi. L’evoluzione varia. E quindi, varia l’effetto dei farmaci con cui tentiamo di trovare una cura. Per cui la mortalità non è alta, è vero, rispetto all’altissimo numero dei contagiati. Ma ti senti sopraffatto, perché dimesso uno, arriva un altro: e sostanzialmente, ricominci da zero”. Polmoniti così, qui erano tipo cinque l’anno. Ora anche 50 al giorno. E al momento la terapia più avanzata consiste nel somministrare ossigeno, e intanto, alleviare il senso di asfissia con antidolorifici. O il coma indotto, nei casi più estremi. Perché l’organismo abbia più tempo di reagire e arrivare da sé dove i farmaci ancora non arrivano. Ha l’aria stravolta Balicco, come tutti i medici e gli infermieri. Da quando si sono imbattuti nelle prime polmoniti anomale, verso febbraio, è stato tutto rapido, un giorno era un malato, e il giorno dopo dieci: e da piccolo ospedale di provincia, si sono ritrovati al fronte. Il paziente 6 cerca aria, ancora, boccheggia, si agita, benché sedato. Scosso da fremiti. E a ogni fremito, reclina un po’ il capo, schiude gli occhi, questi occhi rovesciati. Bianchi. Un’infermiera gli aspira la saliva, mentre sullo schermo il numero blu del livello dell’ossigeno nel sangue, che dovrebbe essere 100, scende a 93, poi a 90. Poi risale, 91. Scende di nuovo. Sembra non assorbire l’ossigeno. Si avvicina un’altra infermiera. “Chiamo il dottore”, dice. “Chiama la famiglia”. Intanto hanno rintracciato la figlia della signora di 70 anni morta ieri. Continuavano a chiamare il marito: che intanto, è finito in ospedale anche lui. “Arrivo subito”, dice la figlia. E Silvia Vanalli resta un momento in silenzio. “No, in realtà… No, non può”, dice. “Neppure adesso”. E la voce si schianta in frantumi. “Abbiamo tentato di tutto. Di tutto. Fino all’ultimo”, dice. “Con la sua mano nella mia. Come… Come fosse stata la sua, giuro. La sua”, dice, e a ogni parola, sembra sparire un po’ di più nella sua tuta bianca tipo Chernobyl, con il nome scritto a pennarello per distinguersi dagli altri, perché questo virus ci ha reso tutti uguali. “E ora?”, ripete la figlia. “E ora? E ora bisogna organizzarsi con le pompe funebri”, dice. E resta così, a singhiozzare con il telefono a mezz’aria. Mentre il resto del Paese si scambia ricette di torte e consigli contro la noia, qui è trincea. Con il rimorso con cui convivono tutti i veterani: il rimorso di avere la guerra addosso, e trascinarci dentro anche chi si ama. E non l’ha scelta. “A casa parlo con il mio compagno da dietro una porta”, dice un’infermiera. “Ma onestamente, se posso non parlo proprio. Perché sono qui, pronta a rischiare tutto per degli sconosciuti: ma poi lascio solo chi non mi ha mai lasciato sola”, poi mi fissa e non dice niente e prepara una siringa. E torna dal paziente 6. Che ancora cerca aria. Ancora si agita. “Tranquillo” gli dice, ma le luci rosse continuano ad accendersi, e il numero blu continua a scendere: e a ogni fremito, sembra quasi volersi liberare dai tubi. Da un angolo, sembra avere lacrime. Chi è? Di dov’è? E cosa fa, nella vita? Quale sarà il suo sacco, all’ingresso? Quello con le Nike da corsa? Chi lascia? E quanto comprende di tutto questo? Quanto sente? Quanto vedono, questi occhi che sembrano guardarti? “Tranquillo. Tranquillo”, gli ripete, con la voce che si fa un sussurro, sempre più, mentre gli asciuga via le lacrime e lo accarezza, piano. E fermo, lo accompagna via. Articolo Precedente Rallenta la pressione sugli ospedali, ma i morti sono altri 760 in 24 ore Articolo Successivo Medici, arriverà lo scudo. Ma il Pd vuole il liberi tutti Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione
Oggi 19:07 Il test del sangue c’è, ministero della Salute assente ingiustificato Regioni e ospedali in ordine sparso: ognuno compra sistemi diversi di diagnosi e nessuno comunica i risultati a Roma Oggi in Edicola - iscriviti alla newsletter e ricevi ogni mattina le principali notizie. ISCRIVITI di Vincenzo Iurillo e Marco Lillo | 3 Aprile 2020 2 Sono una delle poche armi che abbiamo per lottare contro il coronavirus eppure per il Ministero della Salute restano inaffidabili come test diagnostici. Sono i test del sangue per rilevare la reazione dell’organismo al Coronavirus. Non sono validati come il tampone che resta l’unico esame diagnostico certificato da Oms e Ministero ma possono essere utilissimi […] Per continuare a leggere questo articolo Abbonati a Il Fatto Quotidiano Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi oppure rn Sei già abbonato? Continua a leggere Articolo Precedente Quell’errore lombardo del “tutti ricoverati” Articolo Successivo “Il contagio si può bloccare: già trovati due asintomatici” Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione
Oggi 19:07 Coronavirus, slitta il decreto sul credito alle aziende. Commissione Ue cambia le regole: “Ok a garanzie statali fino al 100% del prestito”
Oggi 19:07 Coronavirus, i dati: ci sono 4.585 nuovi casi ma in 24 ore altri 766 morti. La curva dei contagi continua ad appiattirsi, ma di poco
Oggi 19:07 Coronavirus, la diretta – Borrelli: “Primo maggio? Credo saremo a casa”. Poi si corregge: “Equivocato, misure dipendono da evoluzione contagi. Deciderà il governo”. Altri morti tra i medici, in totale sono 77
Oggi 18:04 Coronavirus e idrossiclorochina: il punto sulla sperimentazione domiciliare con i medici che la stanno portando avanti
Oggi 18:04 Concerti e spettacoli live cancellati o rimandati, arriva un voucher in sostituzione dei biglietti acquistati. Assomusica: “Europa lo estenda anche agli altri Paesi”
Oggi 17:01 Coronavirus, Commissione Ue: via dazi e Iva su apparecchiature da Paesi terzi. E cofinanzia trasferimento di pazienti e medici tra i 27 Stati
Oggi 15:58 Accordi&Disaccordi (Nove), Padellaro e Magalli ospiti di Scanzi e Sommi stasera alle 22.45 con la partecipazione di Marco Travaglio
Oggi 15:58 Il Fatto Quotidiano al tempo del Coronavirus, ecco le redazioni di Roma e Milano al lavoro – Video
Oggi 15:58 Coronavirus, il lavoro di Medici senza frontiere nelle corsie dell’ospedale di Codogno: “Così cerchiamo di controllare l’epidemia”
Oggi 15:58 Coronavirus, Fontana: “Finanziati i comuni per intensificare controlli, bisognerà essere rigorosi a Pasqua. Siamo abituati a girare, ma non si può”
Oggi 15:58 Coronavirus, anche l’Ungheria teme per l’Ungheria. E si associa alla lettera dei 14 Paesi contro i pieni poteri a Orban
Oggi 15:58 Coronavirus, ministero Difesa russo contro La Stampa. Guerini e Di Maio: “Toni inopportuni, libertà di espressione valore fondamentale”
Oggi 15:58 Coronavirus, Catalfo presenta il reddito di emergenza: “Previsto per 3 milioni di persone che sono senza sostegno, costo di 3 miliardi”
Oggi 15:58 Coronavirus, slitta il decreto sul credito alle aziende. Mef: “Garanzia statale del 90%”. Patuanelli: “Chiediamo di arrivare al 100%
Oggi 14:55 Coronavirus, anziano aggredito con pugni e calci dal medico di base nel Leccese: voleva chiedere spiegazioni su una ricetta. Le immagini
Ultime notizie a Italia
Oggi 19:10 Fedez, la denuncia alla polizia postale dopo la segnalazione degli utenti: «Su Telegram il gruppo Stupro tua sorella»
Oggi 19:10 Papa Francesco manda 60 mila euro a Bergamo per comprare respiratori
Oggi 19:10 ​​Coronavirus Italia, mappa contagio: i dati regione per regione. Terapie intensive, +0,37%. Quasi 620 mila tamponi
Oggi 19:10 Coronavirus, bollettino Italia: 119.827 casi: calo nuovi contagi. Oggi 766 morti (ieri 760) e 1.480 guariti
Oggi 19:10 Terremoto a Crotone di 3.9: poco fa un'altra scossa dopo quelle avvertite all'alba
Oggi 19:07 Coronavirus, Giovanni Rezza (Iss): “Vaccino? Alcuni sono molto avanti. Ho fiducia che virus non muterà del tutto”
Oggi 19:07 Coronavirus, “Covid assomiglia a una rara malattia immunitaria”. A Livorno farmaco usato in ematologia efficace su 8 pazienti
Oggi 19:07 Sono le Venti torna stasera, ecco le anticipazioni di Peter Gomez. Appuntamento alle 19.55 sul Nove
Oggi 19:07 “Al numero 6 non basta più l’ossigeno, chiama la famiglia” Al fronte - Nel reparto di terapia intensiva in un ospedale di Bergamo tra pazienti senza nome, attaccati alle macchine per sopravvivere Oggi in Edicola - iscriviti alla newsletter e ricevi ogni mattina le principali notizie. ISCRIVITI di Francesca Borri | 3 Aprile 2020 In un angolo, nove sacchi trasparenti che neppure noti tra le attrezzature ancora imballate di questa terapia intensiva allargata d’urgenza. Ma poi, dentro, intravedi delle Nike da corsa, un Twix. Un orologio. Sono gli effetti personali dei 10 ricoverati: uno è stato appena consegnato alle pompe funebri. Perché ora che i funerali sono sospesi, questo è tutto quello che la tua famiglia rivedrà di te. Muori solo, a Bergamo, senza avere accanto i tuoi cari. E solo vai al cimitero, con un prete che benedice la tua bara con un iPhone sopra perché a casa possano sentire. Fino al 10 marzo, il Policlinico San Pietro, parte del Gruppo San Donato, quello del San Raffaele di Milano, era rinomato per altro: fecondazione assistita e ortopedia. Non aveva mai avuto un reparto Malattie Infettive: ora, invece, i suoi 254 posti sono tutti Covid-19. E i 4 di terapia intensiva sono diventati 10. Ma quella che un tempo era l’area dei malati più critici, ora è riservata a quelli con più probabilità di sopravvivere. Mentre scrivo, in Italia siamo a 92.472 contagiati e 10.023 morti, e la Lombardia, con le sue 5.944 vittime, resta la zona più rossa. Tra i positivi, qui si ha un decesso ogni 3 minuti e 35 secondi. “E un po’ è anche l’effetto dell’ordine di curarsi a casa il più a lungo possibile. Di telefonare al 118 solo quando proprio si fa molta fatica a respirare”, dice Bruno Balicco, il medico che attualmente è tornato dalla pensione a dirigere il reparto, perché il primario si è ammalato di Covid-19. Un ordine inevitabile, perché gli ospedali sono intasati. E le bare così tante, che è l’esercito a portarle via. O si avrebbe un’epidemia nell’epidemia. “Ma così i malati arrivano qui allo stremo. Con i polmoni ormai compromessi”, dice. Come il paziente 6, che nonostante i tubi, cerca aria. Disperatamente. Ha 67 anni, e nessun’altra patologia. Alla sua sinistra, un monitor indica frequenza cardiaca, pressione, temperatura e livello di ossigeno nel sangue. Ora che ai parenti è vietato entrare, questo è tutto quello che si sa di una vita: cifre, diagrammi, percentuali. Su un ripiano, accanto a due boccette di medicine, non c’è che un foglio fitto di tabelle, ma non c’è il nome. A un tratto, il corpo ha come un sussulto. E si accende una luce rossa. Un’infermiera si precipita, gli armeggia intorno. Fino a quando la luce si spegne. Dopo un paio di minuti, inizia a lampeggiarne un’altra. “I malati sono tutti uguali – dice Balicco –, hanno tutti lo stesso virus, ma sono tutti diversi. L’evoluzione varia. E quindi, varia l’effetto dei farmaci con cui tentiamo di trovare una cura. Per cui la mortalità non è alta, è vero, rispetto all’altissimo numero dei contagiati. Ma ti senti sopraffatto, perché dimesso uno, arriva un altro: e sostanzialmente, ricominci da zero”. Polmoniti così, qui erano tipo cinque l’anno. Ora anche 50 al giorno. E al momento la terapia più avanzata consiste nel somministrare ossigeno, e intanto, alleviare il senso di asfissia con antidolorifici. O il coma indotto, nei casi più estremi. Perché l’organismo abbia più tempo di reagire e arrivare da sé dove i farmaci ancora non arrivano. Ha l’aria stravolta Balicco, come tutti i medici e gli infermieri. Da quando si sono imbattuti nelle prime polmoniti anomale, verso febbraio, è stato tutto rapido, un giorno era un malato, e il giorno dopo dieci: e da piccolo ospedale di provincia, si sono ritrovati al fronte. Il paziente 6 cerca aria, ancora, boccheggia, si agita, benché sedato. Scosso da fremiti. E a ogni fremito, reclina un po’ il capo, schiude gli occhi, questi occhi rovesciati. Bianchi. Un’infermiera gli aspira la saliva, mentre sullo schermo il numero blu del livello dell’ossigeno nel sangue, che dovrebbe essere 100, scende a 93, poi a 90. Poi risale, 91. Scende di nuovo. Sembra non assorbire l’ossigeno. Si avvicina un’altra infermiera. “Chiamo il dottore”, dice. “Chiama la famiglia”. Intanto hanno rintracciato la figlia della signora di 70 anni morta ieri. Continuavano a chiamare il marito: che intanto, è finito in ospedale anche lui. “Arrivo subito”, dice la figlia. E Silvia Vanalli resta un momento in silenzio. “No, in realtà… No, non può”, dice. “Neppure adesso”. E la voce si schianta in frantumi. “Abbiamo tentato di tutto. Di tutto. Fino all’ultimo”, dice. “Con la sua mano nella mia. Come… Come fosse stata la sua, giuro. La sua”, dice, e a ogni parola, sembra sparire un po’ di più nella sua tuta bianca tipo Chernobyl, con il nome scritto a pennarello per distinguersi dagli altri, perché questo virus ci ha reso tutti uguali. “E ora?”, ripete la figlia. “E ora? E ora bisogna organizzarsi con le pompe funebri”, dice. E resta così, a singhiozzare con il telefono a mezz’aria. Mentre il resto del Paese si scambia ricette di torte e consigli contro la noia, qui è trincea. Con il rimorso con cui convivono tutti i veterani: il rimorso di avere la guerra addosso, e trascinarci dentro anche chi si ama. E non l’ha scelta. “A casa parlo con il mio compagno da dietro una porta”, dice un’infermiera. “Ma onestamente, se posso non parlo proprio. Perché sono qui, pronta a rischiare tutto per degli sconosciuti: ma poi lascio solo chi non mi ha mai lasciato sola”, poi mi fissa e non dice niente e prepara una siringa. E torna dal paziente 6. Che ancora cerca aria. Ancora si agita. “Tranquillo” gli dice, ma le luci rosse continuano ad accendersi, e il numero blu continua a scendere: e a ogni fremito, sembra quasi volersi liberare dai tubi. Da un angolo, sembra avere lacrime. Chi è? Di dov’è? E cosa fa, nella vita? Quale sarà il suo sacco, all’ingresso? Quello con le Nike da corsa? Chi lascia? E quanto comprende di tutto questo? Quanto sente? Quanto vedono, questi occhi che sembrano guardarti? “Tranquillo. Tranquillo”, gli ripete, con la voce che si fa un sussurro, sempre più, mentre gli asciuga via le lacrime e lo accarezza, piano. E fermo, lo accompagna via. Articolo Precedente Rallenta la pressione sugli ospedali, ma i morti sono altri 760 in 24 ore Articolo Successivo Medici, arriverà lo scudo. Ma il Pd vuole il liberi tutti Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione
Oggi 19:07 Il test del sangue c’è, ministero della Salute assente ingiustificato Regioni e ospedali in ordine sparso: ognuno compra sistemi diversi di diagnosi e nessuno comunica i risultati a Roma Oggi in Edicola - iscriviti alla newsletter e ricevi ogni mattina le principali notizie. ISCRIVITI di Vincenzo Iurillo e Marco Lillo | 3 Aprile 2020 2 Sono una delle poche armi che abbiamo per lottare contro il coronavirus eppure per il Ministero della Salute restano inaffidabili come test diagnostici. Sono i test del sangue per rilevare la reazione dell’organismo al Coronavirus. Non sono validati come il tampone che resta l’unico esame diagnostico certificato da Oms e Ministero ma possono essere utilissimi […] Per continuare a leggere questo articolo Abbonati a Il Fatto Quotidiano Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi oppure rn Sei già abbonato? Continua a leggere Articolo Precedente Quell’errore lombardo del “tutti ricoverati” Articolo Successivo “Il contagio si può bloccare: già trovati due asintomatici” Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione
Oggi 19:07 Coronavirus, slitta il decreto sul credito alle aziende. Commissione Ue cambia le regole: “Ok a garanzie statali fino al 100% del prestito”
Oggi 19:07 Coronavirus, i dati: ci sono 4.585 nuovi casi ma in 24 ore altri 766 morti. La curva dei contagi continua ad appiattirsi, ma di poco
Oggi 19:07 Coronavirus, la diretta – Borrelli: “Primo maggio? Credo saremo a casa”. Poi si corregge: “Equivocato, misure dipendono da evoluzione contagi. Deciderà il governo”. Altri morti tra i medici, in totale sono 77
Oggi 19:04 Addio a Bill Withers: la sua "Lean on me" è diventata la canzone simbolo degli operatori sanitari
Oggi 19:01 Inter, il talent scout di Lautaro: 'E' un animale, perfetto per il Barcellona'
Oggi 19:01 Coronavirus, Gallera: '1.455 nuovi casi in Lombardia, ma effettuati molti più tamponi. Rallenta il contagio a Milano'
Oggi 19:01 Coronavirus, record decessi a New York: 562 nelle ultime 24 ore. Totale contagi oltre 100mila, 14mila ricoverati
Oggi 19:01 Inter, Simeone punta Sanchez
Oggi 19:01 Genoa, Perinetti: 'Preziosi ha sempre fatto il bene della società'
Oggi 19:01 Juve, Higuain libera un posto in attacco: tutti i nomi
Oggi 19:01 Milan: Ibra, sei cambiato? VIDEO
Oggi 19:01 Coronavirus, i dati della Protezione Civile: 2.339 nuovi casi (ieri 2.477), 766 decessi (ieri 760). Salgono i guariti
Oggi 19:01 Roma: offerto Gotze, c'è un ostacolo
Oggi 19:01 Laziomania: Anche la lettera di Ceferin e Agnelli l'ha detta Lotito, come Totò
Oggi 19:01 Libero, che attacco: 'Quarantena alla napoletana, ci vorrebbe il lanciafiamme'
Oggi 19:01 Milan, decisione presa su Theo Hernandez
Oggi 19:01 Inter, Candreva: 'Conte numero uno, quante risate con Brozovic. Ringrazio la Lazio'
Oggi 19:01 Coronavirus, da Durant a Whiteside: giocatori NBA in campo con gli eSports, torneo in diretta tv
Oggi 19:01 Milan: concorrenza per Scamacca
Oggi 18:58 Totti alla ricerca dell'erede, Bayern-Flick fino al 2023: le notizie del giorno in due minuti
Oggi 18:58 Ceferin: "I club belgi rischiano l'esclusione dalle coppe. Porte chiuse? Meglio che niente"
Oggi 18:58 Una piattaforma del Made in Italy per fare network con le aziende in crisi
Oggi 18:58 Btp sotto 100, come guadagnare se arriva la svolta in Europa
Oggi 18:49 Coronavirus, guarita l'infermiera della foto simbolo: "I veri eroi sono i pazienti"
Oggi 18:49 Coronavirus, via libera dell'Istituto superiore di sanità alle mascherine lombarde
Oggi 18:37 Rapina merendine nel Napoletano, arrestato
Oggi 18:37 Borrelli: «Misure fino al 13 aprile, poi decide governo»
Oggi 18:37 Misure anti-Covid, Arpac: migliora la qualità dell'aria
Oggi 18:37 Coronavirus a Napoli, folla nei rioni popolari
Oggi 18:37 «Dio benedica l'Italia», Madonna posta il “panaro solidale"
Oggi 18:37 Coronavirus, oltre 14.600 morti in Italia
Oggi 18:37 Borsa Milano in netto calo con banche, male Ferrari, salgono Leonardo, Atlantia
Oggi 18:37 Borsa Usa in ribasso, si arresta crescita record dell'occupazione
Oggi 18:37 SCHEDA - Italia verso esame agenzie rating, quanto peserà Covid-19?
Oggi 18:37 Coronavirus, +1.455 contagi in Lombardia, morti +351 in ultime 24 ore
Oggi 18:37 Pirelli cancella dividendo 2019 e abbassa target 2020 per coronavirus
Oggi 18:37 Coronavirus: 766 morti da ieri, totale italia 14.681 - Protezione civile
Oggi 18:34 Arte e Coronavirus, ICA Milano porta Charles Atlas sui social
Oggi 18:34 Coronavirus, Ascierto conferma: il Tocilizumab sembra funzionare
Oggi 18:34 L’incubo di una famiglia: “Contagiati ma niente tampone o visite”
Trova notizie dalla Italia su Facebook