Conti pubblici, la Ue: “La situazione economica dell’Italia non migliora, i cittadini devono sapere la verità”

Il vicepresidente della Commissione, Jyrki Katainen, ribadisce che c'è "una deviazione dagli obiettivi di medio termine per quanto riguarda il saldo strutturale". Mancano all'appello 3,5 miliardi. Ma Bruxelles è orientata a rinviare il giudizio definitivo a dopo le elezioni. Così la manovra correttiva dovrà farla il prossimo governo

Il giudizio definitivo di Bruxelles sulla legge di Bilancio, come da copione, arriverà solo dopo le elezioni politiche. A maggio 2018. Così a farsi carico della quasi inevitabile manovra correttiva sarà il prossimo governo. Ma martedì il vicepresidente della Commissione Ue, il “falco” Jyrki Katainen, ha rotto il velo della diplomazia con un avvertimento pesantissimo: “Tutti possono vedere dai numeri che la situazione in Italia non migliora. L’unica cosa che posso...
la provenienza: Il Fatto Quotidiano