La Fondazione Musei Civici di Venezia presenta la prima ampia retrospettiva mai realizzata in Italia sull’artista americano Arshile Gorky.

09 Maggio 2019 - 22 Settembre 2019

Venezia, Ca’ Pesaro – Galleria Internazionale d’Arte Moderna

ARSHILE GORKY: 1904-1948

 
La Fondazione Musei Civici di Venezia presenta la prima ampia retrospettiva mai realizzata in Italia sull’artista americano Arshile Gorky.

Intitolata “Arshile Gorky: 1904 – 1948” e allestita a Ca’ Pesaro Galleria Internazionale d’Arte Moderna, la mostra riunirà oltre 80 opere e consentirà di esplorare l’opera di Gorky in tutta la sua portata.

Sin dal suo interrogarsi, negli anni ’20, sui maestri moderni fino ai suoi ultimi dipinti degli anni ’40, nell’opera di Gorky è sempre presente una particolare visione che lo contraddistingue come una delle figure cardine dell’arte americana del XX secolo, a fianco di Willem de Kooning, Jackson Pollock e Mark Rothko.

Visitabile dal 9 maggio al 22 settembre 2019, “Arshile Gorky: 1904 – 1948” è curata da Gabriella Belli, storica dell’arte e direttore della Fondazione Musei Civici di Venezia e da Edith Devaney, curatrice alla Royal Academy of Arts di Londra, dove recentemente ha curato la mostra “Abstract Expressionism”.

La retrospettiva veneziana viene realizzata in stretta collaborazione con The Arshile Gorky Foundation e con i membri della famiglia, pertanto consentirà di ammirare anche opere che sono state raramente esposte in pubblico. Il percorso di mostra conta inoltre su prestigiosi prestiti museali: National Gallery of Art di Washington; Tate Modern di Londra; Centre Pompidou di Parigi; Whitney Museum of American Art, New York; Hirshhorn Museum and Sculpture Garden, Washington, Albright-Knox Art Gallery di Buffalo; Calouste Gulbenkian Foundation, di Lisbona; Diocesi della Chiesa Armena Americana a New York.

Gabriella Belli afferma: “la straordinaria personalità di Gorky, per la prima volta in Italia con una mostra monografica, illuminerà zone ancora in ombra della storia dell’arte del nostro Paese, facendoci esplorare in profondità l’osmosi della pittura europea con quella americana, di cui Gorky fu senza dubbio uno dei più importanti innovatori”.

“Le opere più importanti della carriera di Gorky – prosegue Edith Devaney – saranno riunite in una mostra che permetterà di riaffermarne il valore della sua esperienza all’interno dello sviluppo e definizione dell’Arte Americana del XX secolo, evidenziando come la sua influenza prosegua tuttora”.

“Circa un secolo fa il giovane Arshile Gorky – spiega Saskia Spender – arrivò tanto vicino a Venezia quanto mai lo era stato di persona, quando la nave che lo avrebbe condotto in America fece scalo a Napoli. A dire il vero non fu mai lontano, almeno spiritualmente, dall’arte di Pompei, Paolo Uccello e di De Chirico, tra i suoi predecessori preferiti. Gli piaceva lavorare in maniera veloce come notoriamente faceva il Tintoretto perché, come disse una volta, “quando siamo in sintonia con il nostro tempo facciamo le cose con maggiore facilità”.
Ci auguriamo – prosegue Spender – che questa mostra faccia apprezzare ai visitatori il valore della particolare posizione di Gorky e anche la sua energia prolifica, si aggiunga che per la prima volta in Italia si potrà vedere la sua opera con tale ampiezza.
Gorky è stato un uomo che ha rifiutato confini ed etichette di ogni tipo, dal suo stesso nome sino alle categorie storiche dell’arte. La mostra di Venezia non potrà che confermare che una tale espressione individuale poteva emergere solo nella New York della metà del secolo”.

“Arshile Gorky: 1904 – 1948” svela l’evoluzione del caratteristico vocabolario artistico di Gorky, che derivava dall’impegno artistico e intellettuale con i movimenti europei, ancorché autonomo rispetto alle loro direttive. Gorky ha integrato i paesaggi di Paul Cézanne, la linea di Ingres, la composizione di Paolo Uccello, la logica di Picasso, persino le vivaci forme di Joan Miró. Di fatto Gorky, assorbendo e reagendo al lavoro dei maestri del passato e degli artisti moderni, è stato in grado di sviluppare una propria visione e immaginazione. Lo si può dire una “una sensibilità europea” in un contesto americano. Il linguaggio visivo dell’artista scorre come un filo conduttore attraverso tutta la mostra fino ad arrivare ai suoi inimitabili capolavori.

La mostra prende inizio dalla prima ritrattistica dell’artista, a questo periodo infatti risalgono i molti incontri con gli artisti avant garde emergenti di New York, tra questi Stuart Davis, John Graham e David Smith, un ambiente creativo di cui lo stesso Gorky fu figura di spicco. Un’opera centrale è “Self-Portrait” (ca.1937), che fa riferimento ai ritratti neoclassici di Picasso degli anni ’20.
La ritrattistica di Gorky non era solo una modalità per esplorare il presente – ritratti di famiglia, amici stretti e dei suoi pari – ma anche un modo per rendere omaggio alla famiglia che aveva perso.

Gorky ha proseguito sintetizzando le problematiche e la struttura cubista con i contenuti e le tecniche surrealiste, in particolare isolando ed elaborando forme biomorfiche nei suoi paesaggi e nelle nature morte degli anni ’30. La serie di disegni conosciuti come “Nighttime, Enigma and Nostalgia” rappresenta un momento cruciale nello sviluppo dell’astrazione dell’artista, il suo vocabolario risulta perfezionato da motivi scaturiti dal suo interrogarsi sul Cubismo e il Surrealismo. Il disegno ha svolto un ruolo fondamentale nella pratica di Gorky, formando le sue idee e precedendo quasi ogni dipinto. La creatività di Gorky viene approfondita in mostra attraverso l’esposizione di opere su carta che documentano tutto il corso della sua carriera.
Negli anni ’40 Gorky entra in contatto con i surrealisti, tra cui André Breton, Wifredo Lam, Max Ernst e Roberto Matta. Queste nuove frequentazioni avrebbero contribuito allo sviluppo dell’automatismo e del subconscio nei suoi dipinti. Opere come “Apple Orchard” (ca.1943 – 1946) danno conto non solo della sua abilità e di una nuova linea precisa e fluida, ma anche di un mutato approccio. Il lavoro di Gorky era stato ulteriormente rivitalizzato da una riconnessione con la natura, cementata nelle estati del 1942-1945 trascorse in Connecticut e alla Crooked Run Farm in Virginia. Questa periodo trascorso “en plein air” e non immerso nel suo studio o nei musei di New York, gli ha permesso di estrarre simboli e motivi universali fondati sull’osservazione. Gorky esaminò da vicino le forme botaniche e biologiche e tradusse le metafore visive che vedeva in natura in nuove forme metamorfiche, capaci di esprimere la sua psiche più intima.
L’ultimo capitolo di “Arshile Gorky: 1904 – 1948″ si concentra sugli ultimi capolavori come ” The Liver is the Cock’s Comb”(1944), “One Year the Milkweed” (1944) e “Dark Green Painting” (1948 circa). In questi lavori, i simboli istintivi di Gorky si trasformano in un personale vocabolario di forme fantastiche ricorrenti che danno esito, ha osservato Clement Greenberg nel 1947 “ad alcuni dei migliori dipinti moderni mai realizzati da un americano”. L’artista ha intriso queste opere evocative di ricordi d’infanzia, della sua profonda affinità con la natura e delle complessità e contraddizioni che sentiva nella sua stessa esistenza. Il lessico così particolare di Gorky – un mix di energia propria e di empatia, subconscio e immaginario astratto – ne fanno un precursore dell’Espressionismo Astratto in America.
Gorky ha vissuto un’epoca straordinaria per sconvolgimenti storici e culturali, caratterizzato da un movimento di persone senza precedenti durante le due guerre mondiali, cui ha fatto seguito l’ascesa di New York a capitale artistica su Parigi. Questo contesto storico, viene documentato in mostra attraverso il materiale d’archivio prestato dalla Arshile Gorky Foundation, e delinea non solo la cronologia della vita di Gorky ma anche eventi del periodo che hanno avuto un profondo impatto sulla sua vita.
Il lavoro dell’artista ha avuto una influenza permanente sulle generazioni, in particolare artisti come Willem de Kooning, Cy Twombly, Helen Frankenthaler e Jack Whitten.
La mostra presenterà anche un film diretto da Cosima Spender, nipote dell’artista, che riunisce alcune voci artistiche contemporanee per riflettere sulla vita, il lavoro e l’eredità di Gorky, insieme a filmati inediti dell’artista.
Accompagnerà la mostra un catalogo illustrato con saggi dei curatori (Edith Devaney e Gabriella Belli) e Saskia Spender (nipote di Gorky), con testi in inglese e italiano.

Arshile Gorky
Nato il 15 aprile 1904, Khorkom Armenia
Morto il 21 Luglio 1948. Sherman, Connecticut (Stati Uniti).

Nato Vostanik Manoug Adoian, Arshile Gorky si rifugiò negli Stati Uniti insieme alla sorella a 15 anni, per sfuggire al genocidio armeno. Due anni dopo si iscrisse alla New School of Design di Boston, Massachusetts, dove studiò sino al 1924. In quello stesso anno si spostò a New York per insegnare a tempo pieno alla School of Painting and Drawing presso la Grand Central School of Art. Gorky fu uno dei primi artisti a partecipare al Federal Art Project lanciato dal governo americano nel 1935, per il quale dipinse diverse serie di murali proposti al Floyd Bennett Field a Brooklyn ma che furono in seguito trasferiti all’aeroporto di Newark. Nel 1935 firmò anche un contratto di tre anni con la Guild Art gallery di New York. La sua prima retrospettiva museale aprì al San Francisco Museum of Modern Art nel 1941. A metà degli anni Quaranta attraversò un periodo produttivo ricco di soddisfazioni personali e artistiche, segnato dalla nascita delle due figlie e dal rapporto felice con la natura.
Nel 1948, a seguito di un periodo di turbamento personale e problemi di salute, Gorky si tolse la vita

Ca’ Pesaro – Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Venezia
La Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Venezia ha sede nel magnifico palazzo di Ca’ Pesaro, sorto nella seconda metà del XVII secolo per volontà della famiglia Pesaro, su progetto del massimo architetto del barocco veneziano, Baldassarre Longhena.
Il Palazzo viene donato nel 1898 alla città dalla sua ultima proprietaria, la Duchessa Felicita Bevilacqua La Masa, al fine di creare il primo centro di produzione ed esposizione dell’arte moderna a Venezia. Nata nel 1902 per volontà del Comune, la Galleria Internazionale d’Arte Moderna accoglie le opere acquisite alle Biennali di Venezia e, tra il 1908 e il 1924, le storiche Mostre Bevilacqua La Masa, che favoriscono una giovane generazione di artisti tra cui Umberto Boccioni, Felice Casorati, Gino Rossi, Arturo Martini. La collezione si arricchisce nel tempo attraverso acquisti e donazioni e conta oggi più di 5.000 opere tra pittura, grafica e scultura.
Fin dagli anni settanta Ca’ Pesaro ha ospitato significative rassegne monografiche su autori italiani e stranieri, tra cui Mark Rothko nel 1970 e Robert Rauschenberg nel 1975, e negli anni più recenti ha organizzato numerose esposizioni dedicate ai maestri del ‘900 o a temi interdisciplinari di grande attualità, tra cui “Cy Twombly. Paradise” (2015), “Culture Chanel. La donna che legge” (2016), “William Merritt Chase. Un pittore tra New York e Venezia” (2017), “David Hockney. 82 Ritratti e 1 natura morta” (2017), “Epoca Fiorucci” (2018).


2019-04-25 06:51
Ultime notizie a Le Ultime Notizie
Oggi 07:37 A TREVISO PRESENTATO IL FESTIVAL SILE JAZZ - VIII EDIZIONE
Oggi 07:35 Altri tre capolavori per "Rinascimento visto da Sud"
Oggi 07:32 Giarrusso (M5s) annuncia querela contro La Repubblica: "Inaccettabile diffamazione"
Oggi 07:28 A Domodossola "Carlo Fornara. Alle radici del Divisionismo (1890 - 1910)"
Oggi 07:26 Dati AISCAT: A35 Brebemi è la prima autostrada per crescita in Italia con un + 20,9% nel 2018.
Oggi 07:25 Imprese siciliane, come prevenire la crisi: oltre le norme, la cultura del risanamento
Oggi 07:23 E-commerce in Italia 2019: Il “Fintech Marketplace” Ventis, selezionato come best case italiano da Casaleggio e Associati
Oggi 07:22 Edilizia sanitaria, appello degli architetti catanesi al presidente Musumeci per la riconversione degli ospedali dismessi
Oggi 07:21 Domenica 26 maggio partirà La Cinquecento Trofeo Pellegrini X2 e XTutti
Ieri 13:11 Dati AISCAT, nuovi primati di traffico certificati per A35 Brebemi con un + 20,6% nel 2018.
Ieri 13:10 Cori: Tarip “Più inquini, più paghi” e Comune “Plastic free”
Ieri 13:09 L' ultimo appuntamento in Stagione prima degli Eventi Estivi, LA CENA AZIENDALE di Adriano Bennicelli, regia di Leonardo Buttaroni
Ieri 13:08 BLUES CRUISE NEL DELTA DEL PO Marcus Malone & Innes Sibiun Blues duo
Ieri 13:03 Giro d’Italia: i guadagni dei vincitori
Ieri 13:01 Università. Nuova PdL per altri nuovi ricercatori
Ieri 12:58 Meravigliose antidive in mostra al Centro Matteucci
Ieri 12:51 CALL CENTER TRUFFA SFRUTTANDO IL NOME DI FEDERCONSUMATORI
Ieri 07:38 EUROPEE. R.MUSSOLINI (LISTA CIVICA “CON GIORGIA”): TERRACINA OSPITA TAPPA GIRO D’ITALIA. RAGGI IMPARI DA PROCACCINI (FDI): PRIMEGGIA DOVE LEI HA FALLITO
Ieri 07:33 AUTOSTRADA CT-RG, GIARRUSSO (M5S): «SI FARÀ CON FONDI PUBBLICI GRAZIE A UN GOVERNO CHE FINALMENTE AGISCE»
Ieri 07:31 Invasione delle specie aliene a Roma, il punto al Bioparco
Ultime notizie a Italia
Oggi 12:25 Marcheno, caso Bozzoli: "L'imprenditore è stato ucciso ma il corpo non è finito nel forno"
Oggi 12:22 Operazione antidroga in Sicilia, smantellata banda trafficanti
Oggi 12:22 Wind Tre, torna “Ciak Si Gioca” sull’App My3
Oggi 12:22 Conte: non ci sara nessuna crisi Governo,in cdm nessun diverbio
Oggi 12:22 Famiglia,M5s a Tria: coperture Inps certe, gliele spieghiamo
Oggi 12:22 Sisma a Barletta (scuole evacuate e treni rallentanti)
Oggi 12:13 Il 23 maggio un lenzuolo contro la mafia
Oggi 12:13 Radio Radicale, scade oggi la convenzione che governo non vuole rinnovare. Bonino: "Incomprensibile"
Oggi 12:13 Monterotondo, torna libera la giovane che ha colpito il padre: eccesso colposo di legittima difesa
Oggi 12:13 Tria: "Il problema è ricreare il clima di fiducia". Dl famiglia? "Coperture non individuate"
Oggi 12:13 Conte: "Nessuna crisi di governo, nessun diverbio in Cdm"
Oggi 12:13 Anche Plutone nasconde un oceano: sotto i ghiacci e protetto da uno strato di gas
Oggi 12:01 Dybala-De Paul in, Icardi out: dall'Argentina le indiscrezioni sui convocati
Oggi 12:01 Napoli-Ilicic, ora serve l'accordo con la Dea. Tre contropartite possibili
Oggi 12:01 Torino, rebus Europa. Può passare dal Milan, ma il rischio è avere 2 club
Oggi 12:01 ESCLUSIVA TMW - Imolese, Bensaja: "Serie B? Il pensiero va in quella direzione"
Oggi 12:01 Napoli, De Laurentiis sta valutando un clamoroso ritorno di Quagliarella
Oggi 12:01 Juve, impennata Sarri. Ma i sogni portano ancora a Guardiola e Klopp
Oggi 12:01 Entella, Superbi assiste ad Arezzo-Viterbese: i nomi nel mirino
Oggi 12:01 Inter, dalla Germania: occhi sul partente Boateng. Servono 20 milioni
Oggi 12:01 Cittadella-Benevento, un 5-2 con tre rigori e una tripletta. Che storia!
Oggi 12:01 Pescara, sfida ad Ascoli e Livorno per Martignago dell'Albissola
Oggi 12:01 Al-Khelaifi interessato alla Roma. Ma Pallotta smentisce l'incontro
Oggi 12:01 Milan, senza quarto posto addio di Donnarumma quasi inevitabile
Oggi 12:01 Pescara, Sottil: "Qui sto bene. Fiorentina? Fa male vederla così"
Oggi 12:01 Torino, contatto Cario-Petrachi. Il ds verso le dimissioni
Oggi 12:01 Sambenedettese, fumata nera per la cessione del club
Oggi 12:01 Szczesny su Ramsey: "Quando ti vuole la Juve, tu vieni alla Juve"
Oggi 12:01 Barça, contatti per Mata ma il rinnovo con lo United è a un passo
Oggi 12:01 Eredivisie, il programma dei playoff Europa League
Oggi 12:01 Inter, eccezioni Lautaro e Skriniar: le loro valutazioni sono in ascesa
Oggi 12:01 Spezia, Gyasi: "Dispiaciuto per i miei errori. Ma voglio restare qui"
Oggi 12:01 Il Cagliari vuole trattenere Barella. E alza il prezzo a 60 milioni di euro
Oggi 12:01 UFFICIALE: Osasuna, ritorno nella Liga festeggiato col riscatto di Brandon
Oggi 12:01 Derby d'Italia fra Juve e Inter per Vignato del Chievo
Oggi 11:49 Il registro di Google con tutti gli acquisti della mia vita
Oggi 11:49 Le conseguenze del caso Sea Watch sui rapporti tra Salvini e magistrati
Oggi 11:43 Carofiglio, Arrighi e De Cataldo: dai giuristi il legal thriller di successo
Oggi 11:43 Elezioni europee, ultimi sondaggi: May verso la debacle, Farage in testa
Oggi 11:43 Mango sempre più green. Per i jeans 4 mln di litri in meno d'acqua
Oggi 11:43 “A Capaci l’artificiere di John Gotti”. Le rivelazioni del pentito Avola
Oggi 11:43 Conte: "Reddito pro-capite aumenterà".C'è la cabina di regia Benessere Italia
Oggi 11:40 Saor, il giallo del trapper trovato morto a Roma: la Procura apre un’inchiesta per omicidio
Oggi 11:40 Piacenza, operaio muore schiacciato da una lastra d'acciaio
Oggi 11:40 Uccide il padre violento, Deborah torna libera: «Ha agito per difendersi»
Oggi 11:40 Rogo nella sede dei vigili nel Modenese: 2 morti, arrestato marocchino Salvini: «Tutti a casa»
Oggi 11:40 La Cei attacca Salvini, M5S ne approfitta: «Scomoda la Madonna per vincere le europee»
Oggi 11:40 Spavento tra i turisti negli Scavi: il vento abbatte il ramo di un albero
Oggi 11:40 Borsa Hong Kong chiude in calo su timori per confronto Usa-Cina
Oggi 11:40 Borsa Shanghai recupera dopo alleggerimento sanzioni Usa a Huawey
Trova notizie dalla Italia su Facebook