La ZS Group Messina conferma i tecnici Pippo Sidoti e Francesco Paladina

Sarà una Basket School Messina quasi rivoluzionata, quella che si presenterà ai nastri di partenza del campionato di Serie C Silver. Fermi per motivi personali il capitano Francesco Mazzù e Alessandro Sidoti, sono solo tre le conferme, rispetto alla scorsa stagione, che saranno annunciate nelle prossime settimane. Il roster sarà completato da un under che la società sta individuando. Dopo aver ufficializzato l’ingaggio degli atletiJordan DanielsFederico ManfrèHamish WardenMarco De AngelisGiuseppe Varotta e Giorgio Busco, la ZS Group Messina comunica la conferma dello staff tecnico. Anche per questa stagione, quindi, Pippo Sidoti sarà affiancato da Francesco Paladina nella conduzione del team giallorosso che parteciperà al massimo torneo regionale siciliano.

La ZS Group Messina conferma i tecnici Pippo Sidoti e Francesco Paladina

Pippo Sidoti, attualmente impossibilitato ad andare a referto, assume il ruolo di Direttore Tecnico della squadra. Una riconferma conquistata sul campo anche per coach Francesco Paladina che siederà in panchina nel corso del campionato. Una decisione che la società ha preso su indicazione del DT Sidoti. Entrambi soddisfatti per i risultati ottenuti nel corso dello scorso campionato in cui la squadra ha raggiunto, per la prima volta nella propria storia, la qualificazione ai playoff in serie C Silver. Una qualificazione guadagnata grazie alle dieci vittorie conquistate nel girone di ritorno, di cui sei consecutive, che hanno riportato la squadra dal nono al sesto posto finale. Da sottolineare le vittorie rilevanti ottenute ad Alcamo, a Capo d’Orlando e contro l’allora capolista Ragusa.

Il notaio Clemente Mazzù, dirigente della Basket School Messina, commenta la scelta di confermare i due tecnici: “Con l'avvento di Pippo Sidoti la nostra squadra ha fatto un deciso salto di qualità, dal punto di vista della mentalità, del lavoro negli allenamenti e nell'approccio alle partite soprattutto fuori casa. Nonostante sia impossibilitato a scendere in campo la domenica, il suo apporto resta comunque fondamentale. Quest'anno –prosegue Mazzù - si è deciso, pertanto, di affidargli il ruolo di Direttore Tecnico, con il compito anche di fornire indicazioni decisive per la scelta del roster. Dopo la felice esperienza dell'anno scorso, per affiancarlo nella guida tecnica e nella gestione delle partite, si è deciso all'unanimità di confermare Francesco Paladina. Il coach messinese, chiamato in corsa lo scorso anno, ha dimostrato di avere tutte le doti umane e tecniche per condurre la squadra, ed ha sposato appieno il nostro progetto, raggiungendo l'obiettivo playoff. Siamo certi che insieme potranno trarre il massimo dal roster allestito. È vero che qualcuno ci mette tra i favoriti, ma non dimentichiamo che la squadra sarà molto giovane, e nuova per 6 elementi. Sarà quindi indispensabile un duro lavoro in palestra per trovare la giusta alchimia. Siamo certi – conclude Mazzù - che il duo Sidoti-Paladina sia la scelta giusta per migliorare i risultati dello scorso anno”.

 


2019-08-16 17:13
Ultime notizie a Le Ultime Notizie
Oggi 13:09 Cori, asta pubblica per la vendita di materiale legnoso
Oggi 13:08 DAZI USA: ORIGIN ITALIA IMPORTANTE LA COLLABORAZIONE PER LE DOP IGP
Oggi 13:07 MILLEPROROGHE, SIRAGUSA (M5S): ADEGUIAMO STIPENDI DEI NOSTRI IMPIEGATI NEI CONSOLATI
Oggi 13:06 ZS Group Messina, contro il CUS Catania non sono ammesse distrazioni
Oggi 13:04 Paolo Battaglia La Terra Borgese: “Corpo nudo e trasfigurazioni di Anna La Paglia”
Oggi 12:48 Al via la cattedra Vetrya in “Machine Learning and Artificial Intelligence” presso l’Università LUISS Guido Carli
Oggi 12:47 L’Aldrovandi Villa Borghese nella prestigiosa lista degli hotel consigliati da Forbes Travel Guide 2020
Oggi 12:31 CONSULTA NAZIONALE PER AGRICOLTURA E TURISMO PRESENTATO IL CARNEVALE EPOMEO 2020
Ieri 06:46 Finali di Coppa del Mondo: gli Chef Team Cortina sul podio della ristorazione insieme alle aziende partner del Food&Beverage
Ieri 06:44 Il sito Pershing entra nel futuro e introduce il nuovo concept “The Dominant Species”.
Ieri 06:38 La regina della Stand Up Comedy, la star dalle milioni di visualizzazioni sul web, in Stradanuova il 22 febbraio!
Ieri 06:35 Teatro Argot Studio: Piccola Patria di Lucia Franchi e Luca Ricci dal 20 al 23 febbraio
Ieri 06:30 Francesca Cannizzaro: “Siamo pronte ad affrontare il Team Volley. Ci alleniamo per migliorare e questo ci dà sicurezza”
Ieri 06:28 Martedì 25 febbraio si concluderà il derby tra Fortitudo e Basket School
Ieri 06:27 IconoSophia | Alessandro Bulgarini - 29 febbraio - SpazioAref Brescia
Ieri 06:24 OSTIA. R.MUSSOLINI (CON GIORGIA)-A.DE PRIAMO-F.FIGLIOMENI-L.MENNUNI (FDI): MAGGIORANZA GRILLINA BOCCIA NOSTRA MOZIONE RISCALDAMENTO CASE ATER
2020-02-15 14:58 V EDIZIONE DELL’IVELISECINEFESTIVAL DAL 20 AL 23 FEBBRAIO 2020 PROIEZIONI NO – STOP.
2020-02-15 14:56 Debutto mondiale del 48 Wallytender X al Miami Yacht Show 2020
2020-02-15 14:52 VI MUNICIPIO. R.MUSSOLINI (“CON GIORGIA”): GRILLINI BLINDANO CONSIGLIO STRAORDINARIO
2020-02-15 14:52 Piquadro e The Bridge sbarcano a Napoli. Aperta oggi la boutique bi-brand all’Aeroporto di Capodichino
Ultime notizie a Italia
Oggi 16:01 L'arcivescovo di Castellammare di Stabia tra i lavoratori della Cil
Oggi 16:01 Regionali in Campania, endorsement M5S per Costa
Oggi 16:01 Renzi: «Se cade Conte, no elezioni ma nuovo governo»
Oggi 16:01 Alberi messi in sicurezza, riapre il Virgiliano
Oggi 16:01 Osservatorio "Difendi la città", prima riunione con il sindaco
Oggi 16:01 Pompei, riaprono la Domus degli Amanti e altre due
Oggi 16:01 Evasione fiscale e fallimenti pilotati: 4 indagati e sequestro di beni
Oggi 16:01 I delitti Politelli e Palumbo: arrestati due Lo Russo
Oggi 15:58 IN BREVE-Intesa Sp, esclusa al momento operazione M&A cross corder - Messina
Oggi 15:58 Ubi, fondazione Crc con altri soci valuta implicazioni dopo offerta Intesa
Oggi 15:58 ASTM, Rubegni nominato presidente, Tosoni AD
Oggi 15:58 Banche, sofferenze nette dicembre 1,6% impieghi, minimo da marzo 2010 - Abi
Oggi 15:58 Prada cancella sfilata di maggio in Giappone causa coronavirus
Oggi 15:58 Forex, Euro/dollaro sotto soglia 1,08%, pesa crollo indice Zew
Oggi 15:58 PREMIO CITTADINO EUROPEO 2020: APERTE LE CANDIDATURE
Oggi 15:58 "ARIA": LA RIFLESSIONE DI TOMÁS SARACENO IN PALAZZO STROZZI A FIRENZE
Oggi 15:58 CORONAVIRUS: SOTTO CONTROLLO I 5 ITALIANI DELLA NAVE WESTERDAM APPRODATA IN CAMBOGIA
Oggi 15:58 BRISBANE: MISSIONE A BUNDABERG DI CONSOLATO E COMITES
Oggi 15:58 CORONAVIRUS: UNICEF LANCIA APPELLO PER SOSTENERE LA RISPOSTA GLOBALE ALL'EPIDEMIA
Oggi 15:58 "SOGNO E SURREALE": LE COMPOSIZIONI DI IGOR SKALETSKY AL MUSEO EBRAICO DI VENEZIA
Oggi 15:58 "ARIA": LA RIFLESSIONE DI TOMÁS SARACENO IN PALAZZO STROZZI A FIRENZE
Oggi 15:58 "SOGNO E SURREALE": LE COMPOSIZIONI DI IGOR SKALETSKY AL MUSEO EBRAICO DI VENEZIA
Oggi 15:58 PREMIO CITTADINO EUROPEO 2020: APERTE LE CANDIDATURE
Oggi 15:58 "ARIA": LA RIFLESSIONE DI TOMÁS SARACENO IN PALAZZO STROZZI A FIRENZE
Oggi 15:58 CORONAVIRUS: SOTTO CONTROLLO I 5 ITALIANI DELLA NAVE WESTERDAM APPRODATA IN CAMBOGIA
Oggi 15:58 BRISBANE: MISSIONE A BUNDABERG DI CONSOLATO E COMITES
Oggi 15:58 CORONAVIRUS: UNICEF LANCIA APPELLO PER SOSTENERE LA RISPOSTA GLOBALE ALL'EPIDEMIA
Oggi 15:37 Coronavirus, come lavare le mani per prevenire il contagio.Allarme dermatologi
Oggi 15:37 Coronavirus, Taiwan contro l'Oms: "Non siamo una zona ad alto rischio"
Oggi 15:37 Germania, anche Roettgen si candida alla presidenza della Cdu post Merkel
Oggi 15:37 Basilicata, l'ex governatore Pittella rinviato a giudizio
Oggi 15:37 Michelle Hunziker al lancio del nuovo Triumph Fit Smart Bra
Oggi 15:37 Prima operazione al mondo guidata in realtà aumentata
Oggi 15:34 Cold case, i fratelli Lo Russo in arresto per omicidi degli anni '80 e '90 a Napoli
Oggi 15:34 Fa un figlio con la prof, il baby padre in tribunale: «Il primo rapporto con lei a 13 anni»
Oggi 15:34 Balotelli e il ricatto hot: «100 mila euro o ti denuncio». Spunta una denuncia per violenza sessuale
Oggi 15:34 India, arriva Trump: sfrattate 45 famiglie povere vicino al megastadio. “Vogliono nasconderci alla sua vista”
Oggi 15:34 Kitikaka – Totò Schillaci torna a Quelli che il calcio e fa la storia con un exploit lessicale che vale più di un cucchiaio di Francesco Totti
Oggi 15:34 Dottorato honoris causa, Liliana Segre cita Primo Levi: “Conoscere è necessario. Lo studio è stato per me fonte di salvezza”
Oggi 15:34 La Sapienza, dottorato honoris causa a Liliana Segre: “Dedico questo riconoscimento a mio padre, l’uomo più importante della mia vita”
Oggi 15:34 Governo, Brunetta: “Centrodestra unito deve governare senza aspettare elezioni. I due Mattei riflettano. Renzi ha molto in comune con noi”
Oggi 15:34 Matteo Renzi, quanto vale il senatore di Italia viva? Per una conferenza fino a 40mila euro: Sono le Venti (Nove) gli fa i conti in tasca
Oggi 15:34 Africa, milioni di locuste invadono il Kenya: i contadini si fanno strada tra gli insetti
Oggi 15:34 David di Donatello, le candidature: 18 nomination per Il Traditore di Marco Bellocchio con l’ormai travolgente Pierfrancesco Favino
Oggi 15:34 Gezi Park, 16 persone assolte: erano accusate di voler rovesciare il governo turco di Erdogan
Oggi 15:34 Sardine, i quattro fondatori rispondono all’appello pubblicato sul Fatto Quotidiano: “Noi come l’Amore, inizia la fase matura” Il 'direttivo' delle Sardine risponde alla lettera di Moni Ovadia, Nadia Urbinati, Pif, Roberto Morgantini, Stefano Bonaga e Sandro Ruotolo pubblicata dal Fatto: "Le gerarchie? Ci stiamo lavorando. Valgono tre semplici parole: buona la prima. Gli errori fanno parte di ogni recita, anche la più riuscita" di Andrea, Giulia, Mattia e Roberto | 18 Febbraio 2020 5 Cara Nadia, cari Moni, Pif, Roberto, Sandro e Stefano,rn grazie.rn Grazie per la vostra lettera e tutta la passione che avete dimostrato in questi mesi nell’avvicinarvi a noi come persone, prima ancora che come ideatori di questo grande esperimento che sono le Sardine. La vostra umanità è tangibile quando parlate di “prove ed errori”. Fate riferimento a una dimensione che non appartiene solo ai laboratori scientifici, ma a una molto più estesa e che ci riguarda tutti: la condizione umana. Quando saliamo su questo palcoscenico che è la vita, una legge si impone a tutti nell’agire quotidiano e risponde alle tre semplici parole “buona la prima”. Gli errori fanno parte di ogni recita, anche la più riuscita. Leggi Anche La lettera – A Giulia, Mattia & C. per nuotare insieme oltre le gerarchie Le domande che sollevate sono legittime e crediamo di coglierne lo spirito. Appaiono ai nostri occhi come domande aperte, sincere, schiette. Si tratta di interrogativi che ci poniamo da settimane, in compagnia di tante persone. Siamo spesso attraversati da un senso di vuoto e sappiamo che questo è dovuto al fatto di non avere risposte semplici in tasca. Ma quel vuoto è in parte colmato proprio dalla consapevolezza di non essere soli. La vostra riflessione è la nostra. E viceversa. Proviamo dunque a rispondere puntualmente, insieme. Ci chiedete se siamo sicuri che organizzarsi attraverso deleghe e gerarchie formali mantenga lo stesso fascino per la moltitudine di cittadini che abbiamo mobilitato e persino “entusiasmato”. Ne siamo sicuri? No, non lo siamo. Come potremmo avere questa presunzione? Sappiamo però una cosa e il germe di una risposta completa risiede proprio nella vostra domanda. Parlate di fascino ed entusiasmo. Giusto, giustissimo. E a voi queste due parole cosa ricordano? A noi un’esperienza tanto precisa quanto universale, spoglia di sentimentalismi melensi: l’Amore. Ogni Amore trae le sue origini da una fase iniziale di stordimento, di entusiasmo irrefrenabile, di fascino vissuto come tensione costante. Allo stesso modo, ogni Amore “maturo” perde un po’ di quella spinta e si trasforma in piccoli gesti e complicità, in una tensione meno bruciante ma, magari, più solida e duratura. Se come individui liberi stiamo vivendo la ricerca di questa nuova tensione sul fronte della Politica è forse indice del fatto che stiamo riprendendo coscienza, come singoli e come collettività, di appartenere a un tessuto sociale, nelle vesti di cittadini. Rimarrà per sempre traccia di quell’Amore iniziale. È già storia. Giunti a questo punto, ci sembra giusto che ognuno si senta libero di scegliere il tipo di vincolo da instaurare, se vincolo vorrà essere. Abbiamo accompagnato molti all’altare? Non possiamo certo costringere le persone a sposarsi, né con noi quattro (ci mancherebbe!), né con alcuna forza politica. In molti però, riempiendo le piazze, non potranno negare di essere stati innamorati, almeno per un giorno. Di sé stessi? No di certo. Piuttosto del proprio vicino o, più in generale, della partecipazione alla vita democratica di un Paese, dentro e fuori dalle urne. E questo a noi sembra già un grande risultato, forse l’unico che ci eravamo realmente posti e che sentivamo alla nostra portata. Ci chiedete se dobbiamo impegnarci nella crescita generale della maturità politica di tutti i cittadini o se è tempo di proporci come nuovo ceto politico che si aggrappa a una parola consunta come “cambiamento” per legittimare ambizioni di potere. Questa domanda ci sembra più facile della prima. Abbiamo sempre affermato di voler lavorare per stimolare la partecipazione alla vita democratica del Paese. Lo abbiamo sempre fatto non in qualità di leader; al massimo nelle vesti di “primus inter pares”. Cosa significa questo? Che abbiamo avuto un’idea. Forse l’abbiamo avuta per primi, forse nel momento giusto, sicuramente accompagnati da una buona dose di fortuna. Ora questa idea, o forse sarebbe più appropriato definirlo un sentimento, cammina sulle gambe di molte persone. Imporre gerarchie ai sentimenti sarebbe, a dir poco, velleitario. Giunti a questo punto, ci riteniamo estremamente soddisfatti a camminare per le strade sapendo di essere circondati di una moltitudine di individui che silenziosamente condividono i nostri stessi principi. Siamo felici che restino silenziosi. Non c’è bisogno di fare chiasso. Ma è bello sapere che i principi, attraverso i corpi delle persone, possano rendersi manifesti, visibili. Riteniamo che questo faccia sentire tutti più sicuri. Ed è questa una bella visione che ci sentiamo di condividere, se proprio vogliamo parlare, nello specifico, del concetto di sicurezza. Ci chiedete se innovazione, differenze, autonomie, responsabilità, accoglienza e Bene comune possano coesistere non solo come parole all’interno di una frase, ma anche come fibre intrecciate di un tessuto sociale. La nostra risposta è certamente sì. È quella la direzione. È quella la nostra visione e i fatti hanno dimostrato che è la stessa di moltissimi cittadini sparsi in tutta Italia e in tutto il mondo. Ne prendano atto la Politica e i suoi rappresentanti e, nel farlo, raccolgano anche tutto il coraggio che le sfide impongono, senza paura di effettuare scelte apparentemente impopolari. L’intelligenza e la sensibilità delle persone sapranno riconoscere la parola Bene comune non solo scritta su un foglio di carta; sapranno riconoscere la sua traduzione nel mondo reale, così come i sacrifici necessari per perseguirlo. Ci chiedete infine se le gerarchie emerse nelle nostre pratiche risultino più efficaci, autorevoli e democratiche di procedure formali ed elettive. Saremo schietti. Efficaci sì, autorevoli ni, democratiche… Ci stiamo lavorando. Consapevoli di questo equilibrio precario ma indispensabile, quantomeno nelle fasi vissute fin qui, in cui l’urgenza era risvegliare una passione in una popolazione sopita, vi basti sapere che la vostra domanda vibra in noi fin dal primo giorno. Non abbiamo mai rivendicato alcun tipo di rappresentanza territoriale né tantomeno ideologica. Sappiamo di non essere stati eletti. Ha prevalso lo spirito d’iniziativa di tutte le persone che hanno voluto mettersi in gioco, proprio in accordo a quanto voi dite: quando il valore viene a galla, uno non vale uno, ma quel che vale. Siamo saliti sul palcoscenico non perché volevamo farlo, ma perché era giusto farlo. Riteniamo di averlo fatto nel solco dei principi democratici del Paese in cui viviamo, proprio perché potessero riaffermarsi con forza quei principi e non, invece, il tetro spettro de “l’uomo solo al comando”. Andrea, Giulia, Mattia e Roberto Articolo Precedente La rivolta dei peones: “Ormai Forza Italia sta scomparendo” Articolo Successivo Altro che buongoverno: le 12 Regioni di destra tra guai e impresentabili Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione
Oggi 15:34 Italia Viva, Rosato: “Conte cerca altra maggioranza ma non riesce. Renzi in Pakistan? Viene invitato perché è il più bravo”
Oggi 15:34 Decreti Sicurezza, Bonafede: “Posizione M5s? Modifiche solo accogliendo i rilievi di Mattarella”
Oggi 15:34 Tangentopoli, Di Pietro: “Senza Francesco Saverio Borrelli non si sarebbe potuto far nulla”
Oggi 15:25 Intercettazioni, problemi sul decreto che arriva al Senato: esame in Commissione
Trova notizie dalla Italia su Facebook