Lettera dei medici dei Santi Paolo e Carlo, Gallera: “Regione lavora per svelenire il clima”. Ma la direzione denuncia e promette sanzioni

Martedì l'assessore alla sanità lombarda aveva parlato di una "terza ondata" e della “necessità di stemperare e rasserenare il clima”. Ma mentre in aula imbracciava l'estintore sulla denuncia dei medici d'urgenza, il direttore (da lui stesso nominato) appiccava l'incendio con un esposto contro ignoti e procedimenti disciplinari. Il direttore dell'Ats Lombardia al San Carlo, fuori gli striscioni: "No sottomissione a ricatti repressivi”

Sarà che lo davano in scadenza a Natale come un panettone, ma l’assessore Gallera sembra prendere schiaffi perfino dai direttori ospedalieri che lui stesso ha nominato. Il martedì dice delle cose davanti a tutto il Consiglio, l’indomani viene smentito come contasse nulla. In aula aveva parlato del rischio di una “terza ondata a gennaio” e della necessità che medici e infermieri sfiancati dalla seconda “ritrovino la forza e la motivazione per continuare a curare quanti...
la provenienza: Il Fatto Quotidiano

2020-12-04 09:01
Ultime notizie a Il Fatto Quotidiano
Oggi 12:04 Ricevevano il reddito di cittadinanza senza diritto: mafiosi, giocatori d’azzardo ed ereditieri. Denunciate a Catania 78 persone
Oggi 12:04 “Se vengo per la guerra vinco, vengo con un arsenale”: così parlava Cusimano, il ras dello Zen di Palermo che gestiva “il welfare mafioso”
Oggi 12:04 Reithera, Palù (Aifa): “Dopo settembre alcune milioni di dosi del vaccino italiano”. Speranza: “Giusto entrare nel capitale con soldi pubblici”
Oggi 11:01 ‘Ndrangheta, confiscati beni per 124 milioni di euro. “Sono riconducibili alla cosca Piromalli”
Oggi 11:01 Vaccini Covid, prorogato il bando per i primi gazebo a forma di primula. Sale a 45 giorni il termine per realizzarli in tutte le Regioni
Oggi 11:01 Stefano Bonaccini indagato per abuso d’ufficio nella vicenda delle presunte pressioni denunciate da un sindaco del Ferrarese
Oggi 11:01 Vaccini, la Svezia sospende i pagamenti a Pfizer: vuole chiarezza sulle dosi pagate. E le mascherine “polarizzano” i cittadini
Oggi 11:01 Coronavirus, in Germania altri 982 morti. Usa, quasi 4mila decessi. A Mosca via le restrizioni: torna tutto come prima del Covid
Oggi 09:58 Vaccino, parla AstraZeneca: “Da contratto nessun obbligo verso l’Ue. Regno Unito? Con Londra accordo 3 mesi prima, ha la priorità”
Oggi 08:55 Messico, col Covid è il terzo Paese più visitato nel 2020. “Clima rilassato e meno restrizioni, veniamo qui per incontrare famiglia e amici”
Oggi 08:55 Autolesionismo, depressione e comportamenti aggressivi: conseguenze del Covid sui minori. L’esperta: “Agire prima che sia troppo tardi”
Oggi 08:55 Gallera ora se la gode sulla neve: “Ero io la luce in fondo al tunnel” di Antonello Caporale | 27 Gennaio 2021 Lui, se avessero voluto, ci sarebbe stato ancora: “Ero stanco, ma comunque avrei agevolmente continuato a fare l’assessore”. Lui comunque c’è. “L’affetto della gente è rimasto intatto. Tantissime le persone che mi scrivono, che hanno visto in me il sacrificio, la disponibilità assoluta, la fatica quotidiana, l’abnegazione. Diciamoci la verità: per molti sono stato la […] Per continuare a leggere questo articolo Abbonati a Il Fatto Quotidiano Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno oppure rn Sei già abbonato? Continua a leggere Articolo Precedente Annuncio di Lilly Monoclonali: -70% di morti e ricoveri Articolo Successivo Iss a Fontana: “Da maggio 54 errori di calcolo” Bagarre in aula Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione
Oggi 08:55 I dem costretti a tornare su Renzi “Ero appestato, adesso c’è la fila” di Wanda Marra | 27 Gennaio 2021 Diritti sul Conte ter e allargamento della maggioranza, con Italia Viva dentro: oggi Nicola Zingaretti riunisce la direzione del Pd per ottenere un voto sulla sua relazione. Una linea che certifica almeno un paio di dati di fatto e un problema evidente. Il primo fatto è che il Pd blinda il premier dimissionario perché ogni […] Per continuare a leggere questo articolo Abbonati a Il Fatto Quotidiano Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno oppure rn Sei già abbonato? Continua a leggere Articolo Precedente Berlusconi incerto. Forse non va con Salvini e Meloni da Mattarella Articolo Successivo Delrio, Marcucci, Guerini&C.: le quinte colonne di Italia Viva Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione
Oggi 08:55 “Esiti e tempi incerti” Numeri ancora bassi, la crisi diventa lunga di Fabrizio d’Esposito | 27 Gennaio 2021 Il Conte II è finito al Quirinale a mezzogiorno. Annunciato già lunedì sera, il presidente del Consiglio si è dimesso ed è stato neanche trenta minuti a colloquio con il capo dello Stato. Un incontro breve e istituzionale, senza affrontare ragionamenti e scenari. Del resto, per questi, adesso si apre il tempo delle consultazioni. Che […] Per continuare a leggere questo articolo Abbonati a Il Fatto Quotidiano Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno oppure rn Sei già abbonato? Continua a leggere Articolo Precedente La vignetta di Natangelo Articolo Successivo La “scatola” centrista c’è. Si spera in altri senatori Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione
Oggi 08:55 Sedici mesi di corsa e di emergenze, poi la “Variante Renzi” La vita del secondo governo Conte di Salvatore Cannavò | 27 Gennaio 2021 Alle ore 10 del 5 settembre 2019, il secondo governo Conte giura nelle mani del Capo dello Stato. Un parto complicato, frutto della crisi del “Papeete”, dà vita a un’inattesa alleanza tra M5S, Pd e sinistra con il ruolo fondamentale di Matteo Renzi. Sarà un governo sopportato dalle élite anche se appena insediato Conte disegna […] Per continuare a leggere questo articolo Abbonati a Il Fatto Quotidiano Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno oppure rn Sei già abbonato? Continua a leggere Articolo Precedente Scenari. Tutto è meglio dei renziani: o ci sono i responsabili o si vota Articolo Successivo La prescrizione, riforma simbolo: “Per noi è tutto” Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione
Oggi 08:55 Giornata della Memoria, la prefazione di Mentana al libro di Sami Modiano: “Gli ebrei e il compito di rivivere l’orrore” La soluzione finale - Tutti gli altri che avrebbero potuto raccontare hanno sempre taciuto o negato, fino alla morte. Eppure parliamo della più ciclopica operazione di rastrellamento e sterminio della storia di Enrico Mentana | 27 Gennaio 2021 Se un libro è sempre prezioso, un libro in cui si racconta in prima persona cosa fu davvero la Shoah è prezioso due volte. Perché, per una maledizione della storia, gli ebrei sopravvissuti al genocidio nazista sono costretti al ruolo di unici testimoni di quell’orrore assoluto. Tutti gli altri che avrebbero potuto a loro volta raccontarlo hanno sempre taciuto o negato, fino alla morte. Eppure parliamo della più ciclopica operazione di rastrellamento, deportazione e sterminio della storia. La Endlösung, la Soluzione Finale della questione giudaica, fu messa in atto in tutta l’Europa occupata da centinaia di migliaia di uomini delle forze hitleriane, con la complicità di milioni di cittadini di quei Paesi, complici della svastica tedesca. Ma le poche ammissioni sono arrivate solo nelle aule di tribunale, quasi sempre allo scopo di circoscrivere le proprie responsabilità. Dopo i conti sommari fatti dai vincitori sui vinti col falò giudiziario del processo di Norimberga, fu quindici anni dopo un altro storico processo, quello israeliano a Adolf Eichmann, a mostrare al mondo quella che proprio in quell’occasione Hannah Arendt definì la banalità del Male, e cioè la pianificazione ragionieristica dello sterminio di sei milioni di persone che in comune avevano solo la fede religiosa, l’appartenenza a un popolo, pur bollata come “razza ebraica”. Da allora, giusto sessant’anni fa, nascondere o mettere in secondo piano l’Olocausto non fu più possibile. Eppure il compito di raccontarlo fu di lì in poi affidato a una sola minoritaria categoria, i deportati superstiti: come se in quei terrificanti anni della Seconda guerra mondiale si fosse consumato unicamente il conflitto tra un popolo alieno, i nazisti, e un altro popolo, quello ebraico, e a essere estinti fossero stati gli sterminatori. Anche per questo il dovere di continuare a testimoniare l’orrore di Auschwitz rischia di schiacciare gli ormai pochi sopravvissuti a una nuova coercizione, di raccontare sempre la stessa vicenda, davanti a spettatori ormai lontani da quel momento storico, a rischio perfino di essere ascoltati con scetticismo, perché appunto “parte” di quella persecuzione. È come se toccasse a loro di dover documentare quel che accadde, in una diabolica inversione dell’onere della prova. Conoscete del resto documenti scritti o visivi di militari o dirigenti nazisti che descrivano e raccontino quella macchina pianificata di sterminio? Oppure, quel che è peggio per noi, conoscete registrazioni o deposizioni di anche uno solo dei funzionari italiani che si prestarono ad aiutare i nazisti nell’opera di individuazione, rastrellamento, internamento e deportazione degli ebrei del nostro Paese? E lo stesso per i francesi, gli olandesi, i belgi, gli ungheresi, i polacchi e tutti gli altri popoli d’Europa. Nessun nazista, nessun collaborazionista, nessuno degli zelanti cittadini che si misero a disposizione degli eserciti di occupazione, nessuno dei “volonterosi carnefici di Hitler”, nessun delatore pentito. L’omertà post-bellica di un continente che si voleva lasciare subito l’orrore alle spalle, ridando dignità anche alle nazioni sconfitte, ha lasciato soli gli ebrei scampati dai campi di sterminio nel compito storico di tramandare ciò che fu. E questo solo dopo molto tempo, perché la stessa Italia stanca di guerra lasciò sugli scaffali delle librerie praticamente tutte le copie di Se questo è un uomo di Primo Levi, pubblicato due anni dopo la liberazione di Auschwitz da una piccola casa editrice, perché le più grandi e impegnate l’avevano rifiutato. Le ferite erano ancora aperte, e troppe coscienze erano ancora sporche. Perché negli anni dell’occupazione gli ufficiali nazisti erano potuti andare a colpo sicuro: elenchi, residenze, beni e ruoli degli ebrei italiani erano inventariati da molti anni, “grazie” alle infami leggi razziali. Quelle leggi, certo, erano state volute da Mussolini e scritte dai gerarchi del regime fascista, e ignominiosamente controfirmate dal re, ma furono messe in atto con zelo da tutte le amministrazioni centrali e periferiche del Paese, a cominciare da quelle scolastiche, infami più di tutti, per cacciare i minori da ogni istituto. Come state per leggere, Sami Modiano seppe di essere stato espulso dal suo maestro, nella scuola italiana dell’isola di Rodi: lui, alunno di otto anni, non capì perché succedeva, e fu il padre a doverglielo spiegare. “Quel giorno ho perso la mia innocenza. Quella mattina mi ero svegliato come un bambino. La notte mi addormentai come un ebreo”. Sami è coetaneo di un’altra bambina ebrea, come lui già orfana di madre e attaccatissima anche per questo al padre, che nella lontana Milano stava vivendo la stessa progressiva tragedia. Liliana Segre si separerà dal padre nel luogo dell’orrore assoluto, la rampa di Auschwitz, per sempre. Per Sami invece il legame col padre e la sorella si spezzerà più avanti nell’inferno dello stesso campo di sterminio. Accosto le loro esperienze anche per affrontare il tema più duro. Possiamo leggere, e ancora ascoltare dalla loro voce, il racconto di Modiano come quello di Segre perché riuscirono a sopravvivere alla macchina organizzata di morte del Terzo Reich. I bambini di allora sono oggi novantenni. Forse anche la loro stessa missione di testimonianza, iniziata per tutti e due solo con la maturità, quando anche il nostro Paese ha cominciato davvero a voler sapere, ha contribuito a corazzarli contro l’incedere dell’età più anziana. Ma non ci saranno per sempre. Per questo il loro racconto dovrà varcare i decenni col supporto indispensabile della parola scritta. Furono perseguitati con le loro famiglie perché appartenevano a quello che in omaggio alla sua storia plurimillenaria fissata dalla Torah è sempre stato chiamato il Popolo del Libro. E, da quando sarà in poi, saranno solo libri come questo a portare avanti la testimonianza di quell’orrore, perché altri occhi di bambino possano leggere, perché nuove coscienze si formino su questi insegnamenti, perché nessun altro provi ancora a negare, a relativizzare, a nascondere nell’oblio. Ma c’è un altro elemento valido per i nostri giorni che il racconto della vita di Sami Modiano ci fissa con il candore della sua memoria d’infanzia: allora convivevano a Rodi, l’isola delle rose, come in tanti altri luoghi del Mediterraneo, comunità nazionali, etniche e religiose diverse, plasmate da scambi commerciali e migrazioni continue. Un equilibrio che sembrava rappresentare il superamento definitivo di avversioni e odi che nei secoli precedenti erano sfociati in conflitti sanguinosi. Poi arrivarono le leggi razziali e la guerra a spazzare via tutto. Oggi la guerra e il razzismo sono banditi, ma da tempo il vento dell’intolleranza è tornato a soffiare sul nostro mare. Lì è cominciata la nostra civiltà, lì si dovrà lottare per farla rifiorire. (Il testo è tratto dalla prefazione al libro “Per questo ho vissuto”, di Sami Modiano, edito da PaperFirst) Articolo Precedente Io, Joy: battere la strada è la mia seconda Libia Articolo Successivo La memoria rischia l’oblio. Che accade senza testimoni? Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione
Oggi 08:55 Giornata della Memoria, Sami Modiano e l’arrivo a Birkenau: “Le botte a mio padre, la rasatura, il pigiama a righe, il tatuaggio: ero B7456”
Oggi 08:55 La crisi di governo: come è scoppiata, come se ne esce e perché c’entra ancora la giustizia
Oggi 08:55 Crisi di governo, oggi al via le consultazioni al Colle: si parte da Casellati e Fico. Il calendario
Oggi 00:31 “Vai a fare i riti voodoo, piccolo asino”. Ibrahimovic provoca Lukaku: rissa sfiorata nel derby di Coppa Italia tra Inter e Milan
Ultime notizie a Italia
Oggi 14:28 GIORNO DELLA MEMORIA/ GARAVINI (IV): IMPARIAMO DALLA SHOAH A NON SOTTOVALUTARE L’ODIO
Oggi 14:28 EUROZONA: GLI AMBASCIATORI FIRMANO IL TRATTATO DEL NUOVO MES. ORA LA PAROLA AI PARLAMENTI
Oggi 14:28 MATTARELLA: LA MEMORIA È UN DOVERE DI CIVILTÀ
Oggi 14:28 GIORNATA DELLA MEMORIA/ CONTE: NON BASTA RICORDARE, OCCORRE ANCHE CAPIRE
Oggi 14:28 “GAE AULENTI: AMBIENTE, DESIGN, RESTAURO”: CONFERENZA ON LINE DELL’IIC DI HAIFA
Oggi 14:28 EUROZONA: GLI AMBASCIATORI FIRMANO IL TRATTATO DEL NUOVO MES. ORA LA PAROLA AI PARLAMENTI
Oggi 14:28 GIORNO DELLA MEMORIA/ GARAVINI (IV): IMPARIAMO DALLA SHOAH A NON SOTTOVALUTARE L’ODIO
Oggi 14:28 EUROZONA: GLI AMBASCIATORI FIRMANO IL TRATTATO DEL NUOVO MES. ORA LA PAROLA AI PARLAMENTI
Oggi 14:28 MATTARELLA: LA MEMORIA È UN DOVERE DI CIVILTÀ
Oggi 14:28 GIORNATA DELLA MEMORIA/ CONTE: NON BASTA RICORDARE, OCCORRE ANCHE CAPIRE
Oggi 14:28 “GAE AULENTI: AMBIENTE, DESIGN, RESTAURO”: CONFERENZA ON LINE DELL’IIC DI HAIFA
Oggi 14:28 GOOGLE SCEGLIE L’ITALIA PER LANCIARE HOTEL INSIGHTS
Oggi 14:28 Inseguimento in Tangenziale, bloccati tre giovani
Oggi 14:28 Droga, 55enne arrestato all'Arenella
Oggi 14:28 Medaglia d'onore a 32 internati nel lager: c'è il papà di Costa
Oggi 14:25
Oggi 14:01 Putin a Davos: "I giganti del web fanno concorrenza agli Stati"
Oggi 14:01 Agnelli: "Crisi più grave del previsto, quest'anno sarà peggiore del 2020"
Oggi 14:01 Juve, non sottovalutare la Spal. Ricordati di Bayern e Real... Guida Fagioli, CR7 riposa
Oggi 14:01 Ferrari, la prima volta di Carlos Sainz a Fiorano con la SF71H
Oggi 13:58 Esce “Finalmente cammino da sola”: un inno all’imperfezione delle donne
Oggi 13:55 Mattarella e la Shoah, "ricordare è un dovere di civiltà"
Oggi 13:55 Con il Covid il 'segno di pace' durante la messa diventa uno sguardo
Oggi 13:55 I lavori sul ponte della Magliana hanno creato il caos sulla Roma-Fiumicino
Oggi 13:52 Lidia Macchi, la Cassazione chiede di assolvere Binda
Oggi 13:52 Sciopero di venerdì 29 gennaio, disagi per scuole, treni, sanità e uffici pubblici
Oggi 13:52 Crisanti: "L'estate 2021 al mare? Scordatevelo"
Oggi 13:49 Aviaria, due animali positivi: istituita una zona di sorveglianza
Oggi 13:49 Veneto in zona gialla da domenica 31, Zaia: "Speriamo"
Oggi 13:49 Previsioni METEO WEEKEND, Italia travolta dal maltempo: pioggia e neve. MAPPA
Oggi 13:49 Savona, bimbo di 10 anni porta hashish a scuola. Affidato ai servizi sociali
Oggi 13:49 Pedofilia, in Australia maxirisarcimento alla vittima di un prete
Oggi 13:49 Maxi-truffa su energie rinnovabili: arresti in mezza Italia. Frodati 143 mln
Oggi 13:49 Covid, nasce il Consorzio italiano per studiare genetica virus
Oggi 13:49 Energia, gli incentivi green fanno gola alla criminalità organizzata
Oggi 13:49 Economia circolare per salvare la Terra: gas serra ridotti del 39% all'anno
Oggi 13:49 Trovato farmaco efficace antiCovid. Colchicina. Giù ricoveri, morti, terapie
Oggi 13:34 Razza poltrona
Oggi 13:31 Musica, “Accendino” il nuovo singolo del cantautore Mazzini
Oggi 13:31 Biden e Putin estenderanno Trattato per limitare armi strategiche
Oggi 13:31 Giornata Memoria, Gioele Dix legge Primo Levi: pagine necessarie
Oggi 13:31 Dati Covid, Sala: non capisco difesa a oltranza della Regione
Oggi 13:31 Appello scienziati su Nature: “Mappiamo punti deboli tumori”
Oggi 13:31 Sudcorea, Moon presenta il New Deal alla coreana a Davos
Oggi 13:31 La Cei dice che dal 14 febbraio torna il segno della pace (ma con lo sguardo)
Oggi 13:31 “Sta a noi impedire che si ripeta” (Mattarella nel Giorno della Memoria)
Oggi 13:31 Alta tensione tra AstraZeneca e l’Ue, l’azienda annulla l’incontro
Oggi 13:25 FRANCESCO: RICORDARE È ESPRESSIONE DI UMANITÀ
Oggi 13:25 COME TROVARE BRACCIA PER L’AGRICOLTURA SE I CONFINI INTERNAZIONALI RIMANGONO CHIUSI? - DI MASSIMILIANO GUGOLE
Oggi 13:25 GIORNO DELLA MEMORIA: A PRAGA IL DOCUMENTARIO “TEREZÍN. IL GRANDE INGANNO"
Trova notizie dalla Italia su Facebook