Seggio conteso in Senato, la Giunta dice sì a Lotito. Ora decide l’Aula. La maggioranza rischia di perdere un altro senatore

Candidato nel 2018 in una delle liste plurinominali in Campania in quota Forza Italia, il presidente della Lazio sostiene che è stato commesso un errore di calcolo nell'attribuzione dei seggi e rivendica il diritto di occupare quello dell'ex forzista Carbone (ora con Iv). Se Palazzo Madama dovesse confermare il parere della Giunta, la maggioranza scenderebbe (sulla carta) a quota 167

Claudio Lotito è a un passo dal diventare senatore della Repubblica. La Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari di Palazzo Madama ha accolto il ricorso presentato dal presidente della Lazio dopo la sua mancata elezione alle politiche del 2018. Candidato in una delle liste plurinominali in Campania in quota Forza Italia, Lotito sostiene che è stato commesso un errore di calcolo nell’attribuzione dei seggi e rivendica il diritto di occupare quello che ora è assegnato al...
la provenienza: Il Fatto Quotidiano

2020-09-24 19:43
Ultime notizie a Il Fatto Quotidiano
Oggi 17:26 Foggia, danno fuoco al centro anziani: è il quarto attacco dall’inizio dell’anno. L’ultimo episodio ad aprile, in pieno lockdown
Oggi 17:26 Un altro giro, la lode di Vinterberg alla (alcolica) perdita del controllo. Soprattutto a una certa età
Oggi 17:26 Coronavirus, Zaia si toglie qualche sassolino dalle scarpe: “Noi i primi a coinvolgere gli influencer. Ci prendevano in giro, ora è normale”
Oggi 17:26 Pubblica Amministrazione, ministra Dadone: “Uffici aperti 24 ore? Lavoriamo per una maggiore flessibilità sugli orari”
Oggi 17:26 Rubato zaino con pc e documenti al senatore Di Nicola. M5s: “Brutto atto d’intimidazione”. Indaga la polizia
Oggi 17:26 Covid, il virologo Pregliasco a Tv8: “Seconda ondata pericolosa, gli ospedali stanno tenendo ma la situazione potrebbe degenerare”
Oggi 17:26 Spadafora: “De Luca su Juve-Napoli? Pensi alla Campania, ha fallito”. Zingaretti: “E il ministro pensi allo sport, non dia pagelle”
Oggi 17:26 Coronavirus, 10.874 nuovi casi con 144.737 tamponi. Quasi 800 ricoveri in 24 ore e altri 73 malati in terapia intensiva
Oggi 16:23 Covid, scontro Toninelli – Borgonovo su La7: “In Lombardia siamo messi male”. “Lei mi fa ridere. Fa il consigliere di Bergamo o il senatore?”
Oggi 16:23 Dopo il caso Palamara cala l’affluenza alle elezioni dell’Associazione nazionale magistrati
Oggi 16:23 L’Antitrust Usa va alla guerra contro Google. Nel mirino il browser Chrome di cui potrebbe essere chiesta la cessione
Oggi 16:23 La vena “green” del rock mondiale, da Woodstock a Joni Mitchell a Star Bucks Il primo a cantare l'ambiente fu l'artista franco-algerino Albert Rouimi, in arte Blond Blond; poi vennero Bob Dylan, Bonnie Dobson, Sting e Neil Young. Il festival del 1969 non ebbe troppo rispetto del territorio, mentre un concerto del 1970 a Vancouver finanziò per la prima volta una campagna di Greenpeace. Ora un volume racconta gli artisti attenti ai problemi del Pianeta di Guido Biondi | 20 Ottobre 2020 Il connubio tra rock ed ecologia ha radici lontane. Secondo Matteo Ceschi, autore di Note per salvare il pianeta (Edizioni Vololibero), la prima canzone di cui si ha traccia, registrata con tematiche ambientaliste, è un brano del 1947 intitolato Le Bombe Atomic di Albert Rouimi in arte Blond Blond, artista franco algerino. Tra il 1962 […] Per continuare a leggere questo articolo Abbonati a Il Fatto Quotidiano Abbonati a soli 14,99€ / mese oppure rn Sei già abbonato? Continua a leggere Articolo Precedente “Fat shame”: una società inclusiva è quella che dà il giusto peso anche al grasso Articolo Successivo Se lo vedi, puoi diventarlo: donne leader, la parità può partire (subito) dal cinema Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione
Oggi 16:23 Grazie al petrolio mangiamo troppa carne: fa male a noi e a tutto il Pianeta Per produrre un kg di proteine di manzo viene emessa 240 volte la quantità di CO2 che viene emessa per produrne uno di legumi. Nutrirci è la più potente e profonda relazione che abbiamo con il mondo che ci circonda, possiamo scegliere di alimentarci e rispettare la Natura: scegliere prodotti di stagione, poco lavorati, con imballaggi ridotti e a filiera corta di Claudio Gianotti (Fridays for future Italia) | 20 Ottobre 2020 1 Nutrirsi è uno dei bisogni principali dell’uomo e il cibo è sostentamento, desiderio, piacere, cultura e convivialità. Oggi ci pare qualcosa di scontato, di immediato. Apriamo il frigo e ci sfamiamo. Usciamo per strada e ovunque c’è un ristorante, apriamo un’app e un rider arriva per noi. La disponibilità di cibo non è più un problema, almeno in Occidente. Tutto questo grazie al petrolio. Non è un’esagerazione. Per coltivare servono fertilizzanti, trattori e pompe per l’acqua, alimentate principalmente da idrocarburi, senza contare la catena del freddo e del trasporto. Il Global Footprint Network, una associazione che si occupa di calcolare il nostro impatto sull’ambiente, ha stimato che in Italia servono il doppio delle calorie di combustibili fossili per ogni caloria di cibo prodotto. Questo significa che la capacità produttiva di cibo mondiale è dopata, esagerata e sta permettendo un boom della popolazione, che a sua volta chiede più cibo per essere sfamata. In quest’ottica la produzione di cibo assume logiche industriali e di catena di montaggio: che ha la sua acme nell’allevamento intensivo. La carne, simbolo di ricchezza, piatto della festa è sempre più richiesta e negli ultimi 50 anni il consumo di carne mondiale è aumentato di 5 volte. Inoltre, scelte di marketing e culturali hanno spinto il desiderio di consumare cibi di derivazione animale. L’hamburger americano è un modo di intendere la vita, fast e big, diffuso in tutto il mondo, a tal punto che esiste il Big Mac index per comparare il costo della vita in differenti nazioni. Questo è un problema enorme di sostenibilità ambientale. Nell’immaginario collettivo l’agricoltura ha poco a che fare con inquinamento e ciminiere fumanti, ma i dati delle più autorevoli organizzazioni e gruppi di ricerca (FAO, IPCC), dicono il contrario: circa il 46% delle emissioni di CO2 sono dovute all’agricoltura. In particolare, l’allevamento fa la parte del leone. Per produrre un kg di proteine di manzo viene emessa 240 volte la quantità di CO2 che viene emessa per produrne uno di legumi. I bovini da soli emettono circa il 50% di metano da origine antropica, che ha un potere climalterante molto superiore all’anidride carbonica. Gli allevamenti poi contribuiscono all’inquinamento in molti modi. I composti volatili dell’azoto sono tra i principali inquinanti dell’aria, le deiezioni rappresentano spesso un problema di smaltimento e gli antibiotici usati negli allevamenti possono inquinare la falda e causare pericolose resistenze batteriche. Gli allevamenti poi, sono affamati di terreno agricolo. Per ragioni fisiche per un kg di manzo ci vogliono 10 kg di mangime. Per questo motivo il 90% della soia mondiale e il 70% del mais è destinato agli allevamenti, prodotti soprattutto tagliando foresta tropicale. Questo significa che circa il 95% del terreno agricolo è destinato in modo diretto o indiretto al settore zootecnico e che per 1 kg di carne ci vogliono in media 15 000 litri di acqua (contro i 200 di un kg di pomodori). http://www.fao.org/land-water/en/ La situazione è seria. La concentrazione di CO2 nell’aria ha raggiunto il valore più alto degli ultimi 800.000 anni e i cambiamenti climatici causati da questa variazione saranno epocali e potentissimi. Già oggi iniziamo a fare i conti con le iniziali conseguenze: diffusione di malattie, eventi climatici avversi e danni alla stessa agricoltura ma se non riduciamo le nostre emissioni andrà molto peggio. I provvedimenti devono essere collettivi, con prese di posizioni forti della politica e individuali: riduzione dei consumi, riprogrammazione degli spostamenti merci e riduzione spinta del consumo di carne e derivati animali. Su quest’ultimo punto la grande tradizione culinaria italiana ci viene in aiuto. Io non riesco a immaginare un piatto che ho mangiato più spesso della pasta al pomodoro, e, sorpresa, è un piatto vegano. E due dei piatti che mi fanno più gola sono la pizza e la parmigiana, vegetariani. Forse anni di programmi di cucina ci hanno confuso un po’ le idee ma la Dieta Mediterranea, quella che l’OMS considera la migliore per la salute umana, è molto più vicina a una dieta vegetariana che a una dieta occidentale. Infatti, frutta e verdura sono quantitativamente i più importanti, seguiti da cereali e legumi, in minore quantità derivati animali come latte, formaggio e uova e infine carni bianche e pesce 1 volta a settimana. Carne rossa? Saltuariamente. Oltre che a fare bene all’ambiente ridurre il consumo di alimenti di origine animale giova alla salute. Infatti, la carne rossa favorisce lo sviluppo delle prime tre cause di morte: infarto, tumore e ictus. I grassi animali sono implicati nella formazione della placca ateromasica, responsabile di ictus e infarti e la IARC (l’agenzia internazionale per la ricerca sul cancro) ha definito la carne rossa come probabilmente cancerogena e la carne rossa lavorata come certamente cancerogena, consigliandone un consumo moderato. Al contrario una dieta ricca di vegetali ha un ruolo protettivo nelle principali malattie del tratto digerente, endocrino, come diabete e obesità, e persino in alcuni disturbi psichiatrici. Inoltre, vi sono delle considerazioni di giustizia sociale nel consumo di alimenti di origine animale, spesso più costosi e appannaggio delle classi più abbienti. E le condizioni degli animali negli allevamenti e l’inevitabile violenza richiesta per il loro abbattimento solleva in molte persone dubbi di eticità, tali da non voler essere complici di questa violenza e non nutrirsi di derivati animali Mangiare è la più potente e profonda relazione che abbiamo con il mondo che ci circonda, possiamo scegliere di nutrirci e rispettare il pianeta e creare un rapporto con la Natura più responsabile. Scegliere prodotti di stagione, poco lavorati, con imballaggi ridotti e a filiera corta è il modo più responsabile di essere nel mondo. Anche se il trasporto in media incide del 10% sull’emissione di CO2 del cibo che consumiamo, questo modo di prendere è bello e rispettoso, ancora meglio se abbiamo la fortuna di avere un orto nostro o in famiglia. Articolo Precedente California, l’autodenuncia conviene solo a chi bara Articolo Successivo L’epidemiologa Petronio: “Se non cambiamo modo di vivere, tornerà persino il colera” Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione
Oggi 16:23 L’epidemiologa Petronio: “Se non cambiamo modo di vivere, tornerà persino il colera” Nel libro Ambiente e salute sono ricostruite le cause ambientali che stanno favorendo il riemergere di malattie esotiche come dengue e zika. Secondo la curatrice, "la crisi del clima agisce direttamente, creando condizioni ottimali per le patologie infettive, ma anche indirettamente: per esempio l’innalzamento del livello dei mari diffonde il batterio Vibrio cholerae" di Elisabetta Ambrosi | 20 Ottobre 2020 Il cambiamento climatico favorisce il ritorno di malattie infettive antiche e nuove, come dengue, zika, febbre del Nilo; gli allevamenti intensivi producono l’antibiotico resistenza, mentre l’innalzamento dei mari rischia di spianare la strada persino al ritorno del colera. Per non parlare, infine, della deforestazione e distruzione degli spazi vitali agli animali selvatici, che sono la […] Per continuare a leggere questo articolo Abbonati a Il Fatto Quotidiano Abbonati a soli 14,99€ / mese oppure rn Sei già abbonato? Continua a leggere Articolo Precedente Grazie al petrolio mangiamo troppa carne: fa male a noi e a tutto il Pianeta Articolo Successivo La guida climatica al voto Usa e gli effetti del Covid sulle emissioni di Co2: la rassegna internazionale Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione
Oggi 16:23 Lombardia, a porte chiuse le sedute della commissione d’inchiesta Covid: Lega, FI e FdI bocciano proposta Pd. I dem: “Hanno paura”
Oggi 16:23 “Con una forte ripresa dei contagi pil in calo del 10,5% e recupero più lento nel 2021”. Le previsioni del governo sulla seconda ondata
Oggi 16:23 Sussidi agricoli Ue per 334 miliardi: Ppe, Socialisti e Liberali insieme. La denuncia: “È accordo politico condizionato dalle lobby per favorire i grandi produttori”
Oggi 16:23 Coronavirus, in Svizzera aumentano i contagi: quasi 3000 in un giorno. Nuove misure per frenare la pandemia
Oggi 16:23 Coronavirus, Gimbe: “Misure troppo deboli rispetto all’avanzata del contagio. Inseguire il virus spingerà il Paese verso il lockdown”
Oggi 16:23 Piemonte, il governatore Cirio chiude i centri commerciali nel fine settimana: “Aperti solo alimentari e farmacie”
Ultime notizie a Italia
Oggi 19:10 In Olanda 5 persone su 10 si fidanzerebbero con un robot
Oggi 19:10 Conte: "Situazione critica, ma rispettando le regole la vita può continuare"
Oggi 19:10 Italia-Spagna, Sanchez: "Insieme possiamo rendere Europa più forte"
Oggi 19:10 Google: la Giustizia Usa avvierà una causa antitrust
Oggi 19:10 Effetto Covid, cancellati i Mercatini di Natale del Trentino Alto Adige
Oggi 19:10 Nucleare: Russia e Stati Uniti sono vicini a un accordo su New Start 
Oggi 19:10 "La lotta al terrorismo islamista è una sfida epocale per la Francia"
Oggi 19:10 Conte: "Resto fino al 2023. Sul Covid la situazione è cambiata"
Oggi 18:55 Coronavirus, Calcinaro dimesso dall'ospedale. "Ma sono ancora positivo al Covid"
Oggi 18:55 Focolaio di Covid nel reparto di Neonatologia del Policlinico di Modena
Oggi 18:55 Confindustria moda: 5,2mld di prodotti made in Italy contraffatti
Oggi 18:55 Clara Garcovich per Yata: sneaker vegane e Made in Italy
Oggi 18:55 Come la tecnologia 5G darà forma al nostro futuro
Oggi 18:55 Covid, “Il virus avanza, misure troppo deboli. Così si va verso il lockdown"
Oggi 18:55 Azzolina partigiana vuole "Bella Ciao" a scuola
Oggi 18:55 Sure, l'Ue piazza 17 miliardi di bond. Tutto esaurito: richieste per 233 mld
Oggi 18:55 Leonardo, Bluebell chiede le dimissioni di Profumo. Ecco la lettera integrale
Oggi 18:55 Pier Luigi Lopalco, anticipata nomina assessore alla Sanità e al Welfare
Oggi 18:55 Il Centrodestra cerca l'unità impossibile Mes, misure anti-Covid... Divisi su
Oggi 18:55 Covid, "coprifuoco non solo in Lombardia e in Campania. E le scuole..."
Oggi 18:55 La lezione di Machiavelli (e non solo) ai politici di oggi
Oggi 18:55 Superbonus: le banche più convenienti per la cessione del credito
Oggi 18:46 Coronavirus, 10.874 nuovi casi e 89 morti nelle ultime 24 ore
Oggi 18:46 Dibattito Trump-Biden, si parla uno per volta grazie a un bottone
Oggi 18:46 Scienza, concluso il Cicap Fest 2020 in versione “a distanza”
Oggi 18:46 Coronavirus, Conte: adesso misure restrittive localizzate
Oggi 18:46 “VOLTERRAGUSTO”: RINVIATA LA KERMESSE ITALIANA DEL TARTUFO
Oggi 18:46 XX SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA NEL MONDO: “IL POTERE DEL DISEGNO” IN MOSTRA A RIO DE JANEIRO
Oggi 18:46 NASCE IL DEBITO EUROPEO: LA SODDISFAZIONE DI UNGARO (IV)
Oggi 18:46 FRANCOFORTE: AL VIA LE LEZIONI-INTERVISTE DEL CONSOLATO
Oggi 18:46 XX SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA NEL MONDO: “A ORIENTE DELL’ITALIA. SULLA VIA DEL FUMETTO” CON IL CNR E L'IIC DI MONTREAL
Oggi 18:46 "I FUMETTI NEI MUSEI" SBARCANO ALL'ESTERO
Oggi 18:46 XX SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA NEL MONDO: “IL POTERE DEL DISEGNO” IN MOSTRA A RIO DE JANEIRO
Oggi 18:46 XX SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA NEL MONDO: “A ORIENTE DELL’ITALIA. SULLA VIA DEL FUMETTO” CON IL CNR E L'IIC DI MONTREAL
Oggi 18:46 FONDI UE E STATO DI DIRITTO: IL 77% DEGLI EUROPEI VUOLE CHE SIANO COLLEGATI
Oggi 18:46 COVID19/ AIUTI AGLI ITALIANI NEL MONDO: SERENI RISPONDE A GIACOBBE (PD)
Oggi 18:46 "I FUMETTI NEI MUSEI" SBARCANO ALL'ESTERO
Oggi 18:46 CASA D’ITALIA DI JUIZ DE FORA: UNA VICENDA ESEMPLARE - DI FABIO PORTA
Oggi 18:46 “VOLTERRAGUSTO”: RINVIATA LA KERMESSE ITALIANA DEL TARTUFO
Oggi 18:46 XX SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA NEL MONDO: “IL POTERE DEL DISEGNO” IN MOSTRA A RIO DE JANEIRO
Oggi 18:46 NASCE IL DEBITO EUROPEO: LA SODDISFAZIONE DI UNGARO (IV)
Oggi 18:46 FRANCOFORTE: AL VIA LE LEZIONI-INTERVISTE DEL CONSOLATO
Oggi 18:46 XX SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA NEL MONDO: “A ORIENTE DELL’ITALIA. SULLA VIA DEL FUMETTO” CON IL CNR E L'IIC DI MONTREAL
Oggi 18:46 “ARTISTA MA CHI SEI?!”: CONSAGRA E MATERA
Oggi 18:43 Moda, dodici donne sfilano per le strade di Chiaia come testimonial di Marte Identity
Oggi 18:43 Economia circolare, a Napoli il Green Symposium
Oggi 18:43 Procida si candida a essere la prima isola plastic bags free d'Italia
Oggi 18:43 “Affido Culturale” nasce in quattro città italiane per contrastare uno dei virus più pericolosi: la povertà educativa
Oggi 18:43 Beatrice Gigli: giornalismo e merchandising con grande stile
Oggi 18:43 Arzano, cori e insulti al giornalista barricato in casa
Trova notizie dalla Italia su Facebook