“Sogni estivi” della Cantina San Michele Appiano: Sauvignon 2016 TWC e Ravioli di Diego Pani, Ristorante Marcopolo

Continua la serie da collezione di “Sogni estivi” ideato dalla Cantina San Michele Appiano, il progetto che mette assieme le ricette degli chef d’Italia ed i vini della Cantina leader in Alto Adige. Dedicato ai media che si rivolgono ai lettori che amano, anche a casa, preparare piatti d’autore accompagnati da vini d’eccellenza
“Sogni estivi” della Cantina San Michele Appiano: Sauvignon 2016 TWC e Ravioli di Diego Pani, Ristorante Marcopolo

Continua la serie da collezione di “Sogni estivi” ideato dalla Cantina San Michele Appiano, il progetto che mette assieme le ricette degli chef d’Italia ed i vini della Cantina leader in Alto Adige. Dedicato ai media che si rivolgono ai lettori che amano, anche a casa, preparare piatti d’autore accompagnati da vini d’eccellenza

Prosegue “Sogni Estivi” il progetto della Cantina San Michele Appiano che presenta i suoi bianchi pregiati accanto a ricette d’autore di chef (stellati e non) dei ristoranti d’Italia. A firmare il piatto del secondo abbinamento è lo chef Diego Pani di Marcopolo, ristorante storico della Riviera Ligure, a Ventimiglia, in provincia di Imperia, punto di riferimento dal 1960 per la grande cucina di pesce. Ai suoi ravioli di coniglio e ricci di mare, burrata fresca e timo abbina il Sauvignon “The Wine Collection” 2016.

Il Sauvignon “The Wine Collection” 2016, la seconda edizione della limitatissima linea inaugurata nel 2018, esprime nel suo massimo l’uva bianca più famosa della Cantina San Michele Appiano e del winemaker Hans Terzer. L’uva che compone questo bianco d’eccellenza proviene esclusivamente da parcelle selezionate della zona di Appiano Monte e viene raccolta a mano, seguendo poi uno speciale metodo di vinificazione. Dal colore giallo paglierino con riflessi verdi, il Sauvignon 2016 “The Wine Collection” regala profumi di frutta esotica, uva spina, banana, sambuco e pesca bianca. Intenso ed elegante, il bianco limited edition della Cantina San Michele Appiano accompagna ed esalta con la sua vibrante acidità la ricetta dei ravioli del ristorante Marcopolo. Il giovane Chef Diego Pani combina in un primo gustosissimo la delicatezza della carne di coniglio e della polpa del riccio di mare, impreziosendo il tutto con le note aromatiche del timo. Per il ripieno dei ravioli (la cui pasta è preparata semplicemente con Farina 00 ed acqua), viene preventivamente disossato il coniglio e passato due volte nel tritacarne. Il trito ottenuto viene poi messo in una casseruola assieme a un rametto di timo ed uno spicchio d’aglio e cotto a fuoco lento, con dell’acqua di conservazione di olive usate per altre preparazioni, aggiustando solo di pepe. Una volta terminata la cottura e lasciato raffreddare, il composto viene passato in un robot da cucina assieme alla polpa di 30 ricci di mare, regolando sapore e consistenza con l’acqua dei ricci. Il ripieno è quindi pronto per il confezionamento dei ravioli. A parte, viene frullata la burrata, condita e messa in un sac a poche. I ravioli, a cottura ultimata, vengono glassati in un beurre blanc e adagiati in un piatto, intercalandoli con punte di crema di burrata e ricci freschi ed aggiungendo una cimetta di timo su ogni raviolo.

Nella cucina di Diego Pani c’è innanzitutto il rispetto per l’importante eredità paterna e materna: la volontà dello chef del ristorante Marcopolo è quella di costruire una realtà giovane che sia in continuità con il passato. L’amore per la classicità, coltivato in esperienze lavorative precedenti, si intreccia con la costante formazione, che permettono a Diego Pani di crescere ed affinare il proprio pensiero. Anche nella Cantina San Michele Appiano, la continuità con la grande tradizione vitivinicola altoatesina e la filosofia della “qualità senza compromessi” sostenuta dal winemaker Hans Terzer, garantiscono una costante produzione ad altissimo livello qualitativo, che si fa forza delle nuove tecnologie e della continua ricerca per raggiungere la perfezione.

Altre informazioni

Martina Tormen Cellulare +39 388 8705163 martina.tormen@smstudiopr.it


la provenienza: SM Studio
2020-09-16 12:04
Ultime notizie a Italia
Oggi 17:01 La mappa della scomparsa del Movimento 5 Stelle
Oggi 16:58 Uniqlo e JW Anderson, la nuova collezione autunno/inverno 2020 guarda a Londra
Oggi 16:58 Pensioni invalidità, aumenti in arrivo: ecco quando. Spunta una data
Oggi 16:58 Falkland/Malvinas,nuovo referendum nell'arcipelago conteso tra Uk e Argentina
Oggi 16:58 SocGen fonde la rete con Credit du Nord. Risiko bancario anche in Francia
Oggi 16:49 Renato Zero: “In Zerosettanta c’è la mia espressione migliore”
Oggi 16:49 Riccardo Fogli dedica Storie di tutti i giorni a malati Alzheimer
Oggi 16:49 Migranti, Commissione Ue propone “solidarietà flessibile”
Oggi 16:49 Covid, monito del Papa: aiuti vanno più ai potenti che ai deboli
Oggi 16:49 Leonardo Drone contest, l’intervento del ministro Paola Pisano
Oggi 16:49 Astoi Confindustria Viaggi e Fondo ASTOI: Ezhaya nuovo presidente
Oggi 16:49 Conclusa all’Accademia Aeronautica l’esercitazione “Sparrowhawk”
Oggi 16:49 Tom Cruise girerà il primo film nello spazio nel 2021 finanziato da Elon Musk
Oggi 16:49 Coronavirus, la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo in quarantena
Oggi 16:49 Coronavirus, perché l’Italia sta facendo bene secondo il Financial Times
Oggi 16:49 Cosa prevede la proposta della Commissione Ue sui migranti
Oggi 16:49 COSTRUIRE IL FUTURO RICORDANDO LA RESISTENZA: COMMEMORAZIONE A ZURIGO
Oggi 16:49 TORNA MERCANTEINFIERA: A PARMA ANTIQUARIATO E COLLEZIONISMO VINTAGE
Oggi 16:49 26 SETTEMBRE: GIORNATA EUROPEA DELLE LINGUE
Oggi 16:49 SVIZZERA AL VOTO SULLA “IMMIGRAZIONE LIMITATA”: L’APPELLO DEL COMITES DI GINEVRA
Oggi 16:49 “UNITI PER NON DIMENTICARE”: IL PRESIDENTE DELL’UNICEF ITALIA A BERGAMO PER IL CONCERTO IN ONORE DELLE VITTIME DEL COVID-19
Oggi 16:49 MATTARELLA: GIANCARLO SIANI È STATO TESTIMONE DEL MIGLIOR GIORNALISMO, DI CORAGGIO E DI PROFESSIONALITÀ
Oggi 16:49 COSTRUIRE IL FUTURO RICORDANDO LA RESISTENZA: COMMEMORAZIONE A ZURIGO
Oggi 16:49 TORNA MERCANTEINFIERA: A PARMA ANTIQUARIATO E COLLEZIONISMO VINTAGE
Oggi 16:49 26 SETTEMBRE: GIORNATA EUROPEA DELLE LINGUE
Oggi 16:49 SVIZZERA AL VOTO SULLA “IMMIGRAZIONE LIMITATA”: L’APPELLO DEL COMITES DI GINEVRA
Oggi 16:49 “UNITI PER NON DIMENTICARE”: IL PRESIDENTE DELL’UNICEF ITALIA A BERGAMO PER IL CONCERTO IN ONORE DELLE VITTIME DEL COVID-19
Oggi 16:49 CORONAVIRUS/ 45.489 POSITIVI/ 14 MORTI E 967 GUARITI IN PIÙ
Oggi 16:46 Va ad annaffiare le piante, le crolla addosso il balcone del piano di sopra
Oggi 16:46 Regionali in Campania, ecco il nuovo consiglio: tutti gli eletti
Oggi 16:46 Migranti, piano Ue: «Meno peso su paesi primo ingresso»
Oggi 16:46 «Covid può favorire Parkinson», studio su “ondata silenziosa" della pandemia
Oggi 16:46 Suarez, spunta ipotesi corruzione
Oggi 16:46 Carabiniere investito e ucciso mentre fa jogging, un arresto
Oggi 16:46 Bimbo ucciso, pm chiedono ergastolo per mamma e patrigno
Oggi 16:46 De Luca da record: +50 su Caldoro
Oggi 16:28 Snowden rinuncia a oltre 5 milioni di dollari. Giudice Usa valuta la somma che dovrà restituire
Oggi 16:28 Premiolino 2020, da Condò a Scavo: i vincitori. Alla Scala la cerimonia della 60esima edizione
Oggi 16:28 Germania, pareggio di bilancio arrivederci al 2024. Altri 98 mld contro il Covid
Oggi 16:28 Referendum, Zaccaria: “A giorni appello di 10 costituzionalisti per legge elettorale senza liste bloccate, vero tarlo della nostra democrazia”
Oggi 16:28 Regionali, Emiliano: “Solo 8 donne elette? Faremo giunta paritaria. Lopalco assessore Sanità”. E manda un messaggio a Di Battista
Oggi 16:28 Ma quale mezza età: i 40 anni sono una rinascita. E per raccontarla ci sono i CrunchyTales Il primo magazine illustrato nato dalla mente di una giornalista italiana, Michela Di Carlo, in cui le donne ultraquarantenni possono esprimersi con libertà e ironia e trovare consigli e condivisioni di Sabrina Provenzani | 23 Settembre 2020 “Le donne di mezz’età sono crunchy, croccanti, tasty, gustose, crispy, intriganti, e fanno rumore. CrunchyTales è nato per raccontarle. Noi non invecchiamo ma, qui l’inglese è più generoso dell’italiano, we grow older: cresciamo e cambiamo”. Sarà che l’età è proprio quella, che la sua voce al telefono è forte e positiva, che ricordo bene la […] Per continuare a leggere questo articolo Abbonati a Il Fatto Quotidiano Abbonati a soli 14,99€ / mese oppure rn Sei già abbonato? Continua a leggere Articolo Precedente Palamara: “Prima facevo lo scribacchino di atti”, l’ira dei magistrati all’Anm Articolo Successivo Amianto: lo sapevamo dal 1906, l’abbiamo messo fuorilegge solo nel ’92 Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione
Oggi 16:28 Nera, musulmana, femminista, e russa: Masha e i suoi 23 anni di battaglie Nata da madre di origine ucraina e da padre maliano, vittima di haters e insulti da quando era bambina, ha deciso di scrivere contro il razzismo: "Di solito non mi criticano per quello che dico, ma per il semplice fatto che esisto" di Michela A. G. Iaccarino | 23 Settembre 2020 “Si, sono mulatta”. È la dichiarazione iniziale, il moto di presentazione, slogan provocatorio d’esordio che leggi in cirillico sul suo profilo con centinaia di migliaia di follower. Legata alla prima, c’è una seconda frase: “Ho un milione di hater. Perché? Per quello che scrivo”. Quando è morto George Floyd in America, Masha ha scelto di […] Per continuare a leggere questo articolo Abbonati a Il Fatto Quotidiano Abbonati a soli 14,99€ / mese oppure rn Sei già abbonato? Continua a leggere Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione
Oggi 16:28 Le donne nascono due volte: quando vengono al mondo e quando scoprono il racconto Simone de Beauvoir (qui in foto con Sartre), Sibilla Aleramo, Anaïs Nin, Colette, Anne Sexton, Sylva Plath, Gertrude Stein, Virginia Woolf e tutte le altre: sono state fra le prime donne impegnate a trovare la propria identità, la libertà e il coraggio per vivere una vita degna e a raccontarcelo nei loro libri in prima persona. di Rossana Campo | 23 Settembre 2020 In principio furono Colette, Simone de Beauvoir, Sibilla Aleramo, Anaïs Nin, Anne Sexton, Sylva Plath, Gertrude Stein, Virginia Woolf, Adrienne Rich, Marguerite Duras, Violette Leduc, Marie Cardinal. Sono state fra le prime donne impegnate a trovare la propria identità, la libertà e il coraggio per vivere una vita degna e a raccontarcelo nei loro libri […] Per continuare a leggere questo articolo Abbonati a Il Fatto Quotidiano Abbonati a soli 14,99€ / mese oppure rn Sei già abbonato? Continua a leggere Articolo Precedente “Capitano tutte a me” Un piccione viaggiatore che non vuole più volare ora abita a casa mia Articolo Successivo Studia la matematica, imparerai la democrazia: la lezione di Chiara Valerio Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione
Oggi 16:28 Luis Suarez e l’esame farsa, indagata per corruzione anche la rettrice dell’Università. Che disse: “Deve essere su quel binario”
Oggi 16:19 Maria Paola come Gandhi: uccisa per fermare l'evoluzione della società
Oggi 16:19 Coronavirus, Putin: "La Russia registrerà a breve un secondo vaccino"
Oggi 16:19 Fca, l'elettrico riporta al lavoro tutti i dipendenti del Polo torinese
Oggi 16:19 "Il porto ci è venuto incontro". La storia dietro la foto simbolo dell'esplosione di Beirut
Oggi 16:17 Davvero la pandemia ci ha reso persone migliori?
Trova notizie dalla Italia su Facebook