SIENA CAPITALE DELL’OLIO: DAL WORKSHOP SULL’AGENDA 2030 LE PRIORITÀ E GLI INVESTIMENTI PER LE CITTÀ DELL’OLIO

Ampiamente condivise le proposte raccolte in sessione plenaria: anche il Governo plaude all’iniziativa degli Stati Generali con gli interventi dei Sottosegretari L’Abbate e Bonaccorsi

Si sono concluse ieri a Siena, con l’Assemblea Nazionale dei Soci, le celebrazioni del 25° anniversario della costituzione dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio. Tre giorni di lavori, tavoli tematici e proposte, per scrivere insieme le linee guida dell’Agenda 2030 delle Città dell’Olio, strumento utile alle Amministrazioni Locali quando si troveranno a impostare politiche di marketing territoriale ed a gestire percorsi politici ed amministrativi volti alla valorizzazione di una delle più importanti colture italiane.

Il sentore comune che ha caratterizzato tutti i panel tematici volti alla costruzione dell'Agenda 2030, si è rivelato essere la necessità di progettare investimenti ed interventi ascoltando ed accogliendo le esigenze dei territori – ciascuno con le proprie diversità - sotto ogni aspetto. Se infatti è vero che ogni territorio ha una predisposizione diversa all’accoglienza turistica e all’esperienzialità che tanto ricercano i viaggiatori di oggi, alla stessa maniera è altresì vero che il mantenimento del Paesaggio Rurale Olivicolo a seconda di dove insiste, deve essere gestito non solo come un miglioramento estetico ma anche come buona pratica di protezione dei terreni da fenomeni di dissesto idrogeologico. Ci sono realtà olivicole che più di altre manifestano una forte identità territoriale, così come da regione a regione – e molto spesso anche da Comune a Comune – troviamo a volte grandi differenze in termini di produzione, economia e marketing. Gli ultimi due panel, relativi alla cultura e stili di vita e formazione ed educazione, non hanno un riferimento alla territorialità ma possono essere interattivi tra loro: la cultura dell’olio è infatti trasversale a livello geografico, la sua diffusione tuttalpiù varia in base alla disponibilità ed utilizzo degli strumenti per farlo e l’offerta di formazione ed educazione è la risposta a questo bisogno: inserimenti di elementi di educazione alimentare nella didattica scolastica e progetti di Lifelong Learning.

Ad ospitare questa tre giorni di studi equiparabili agli Stati Generali dell’Olio, è stato il Complesso Museale di Santa Maria della Scala a Siena e, per l’importanza dei temi trattati e l’autorità dei suoi relatori, l’evento ha trovato sponda anche nel Governo Centrale, presente con l’On. Giuseppe L’Abbate, Sottosegretario di Stato del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali l’On. Lorenza Bonaccorsi, Sottosegretario di Stato del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo.

“E’ importante il lavoro che svolge l’Associazione nella diffusione sempre maggiore della cultura dell’olio – ha affermato quest’oggi l’On. Giuseppe L’Abbate, Sottosegretario di Stato del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali  a conclusione del workshop – perché noi possiamo fare qualità ma se non abbiamo un consumatore capace di riconoscerla, inevitabilmente questo comprerà solo in base al prezzo. Serve un piano olivicolo serio, che punti all’aumento della produzione, della qualità, all’informazione e alla cultura dell’olio verso i consumatori. Purtroppo oggi la filiera vive un momento difficile: nella nuova campagna i prezzi sono calati parecchio e i produttori non riescono più a rientrare nelle spese e questo è dovuto a tanti motivi, tra cui la disgregazione della filiera. Dobbiamo invece aggregarla, in modo tale da riuscire ad arrivare sul mercato con prezzi accessibili ai consumatori che però garantiscano anche la remunerazione dei produttori. E questo si può fare solo con una filiera organizzata”.  

Venerdì, concludendo la prima giornata di lavori, l’On. Lorenza Bonaccorsi, Sottosegretario di Stato Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo ha sottolineato come “la rete delle Città dell’olio è uno degli elementi fondamentali per il turismo, perché fa parte di quelle esperienze su cui noi costruiamo la nostra offerta, unica, differente, definita, targettizzata. Ma ci dobbiamo credere ed avere il coraggio di fare una scelta insieme rispetto ad un nuovo modello di sviluppo. Ogni brand territoriale preso singolarmente è forte, ma lo è ancora di più un brand Paese, per questo è importante andare tutti nella stessa direzione”.

Pienamente soddisfatto dei risultati raggiunti con il workshop, per il quale sono stati riuniti i più influenti ed autorevoli esperti per ciascuna materia oggetto di studio Enrico Lupi, Presidente dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio, il quale ha dichiarato che “l’evento non ha disatteso le aspettative di grande coesione e concretezza, la competenza nonché la professionalità che ha caratterizzato ciascuna sessione è stata egregiamente sintetizzata nelle proposte presentate in sessione plenaria. Crederci e mettere ciascuno a disposizione le proprie conoscenze saranno poi gli strumenti che ci aiuteranno a realizzarle e ad individuare un percorso da condividere insieme”.

Ciò che emerge dunque da questa tre giorni di celebrazioni per il 25° anniversario della costituzione dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio, è la necessità di costruire un progetto integrato di valorizzazione e promozione, che possa contemplare il settore oleicolo in ogni suo aspetto.  Dal turismo del cibo e dell’olio, tema della sessione coordinata da Roberta Garibaldi, Research Board World Food Travel Association e Board del Word Gastronomy Institute, secondo cui occorre strutturare un progetto pluriennale a supporto dell'evoluzione di questo settore affinché questo possa avvenire in un'ottica di crescita sostenibile e di qualità; al ruolo strategico del paesaggio rurale olivicolo, tema della sessione coordinata dal professor Mauro Agnoletti, coordinatore gruppo paesaggio MIPAAFT in quanto gli olivi assorbono meno Co2 ad ettaro rispetto ad un bosco pertanto ne va implementata la coltivazione. L’importanza dell’identità territoriale affrontata dal panel guidato dal giornalista Paolo Massobrio conclude che per ottenere tale obiettivo occorre portare a produttività gli impianti olivicoli, mente la visione dell’olio come cultura e stile di vita affrontato dal team del professor Marino Niola, antropolo, scrittore e giornalista deve essere affermata costruendo una narrazione all’altezza dei nostri prodotti, mentre quello di Alberto Mattiacci, docente di Marketing e Business Management UniSapienza Roma, dal tema  "produzione, marketing ed economia", ha trovato sintesi in una parola "education" dei consumatori ma anche delle aziende.  Gli aspetti più a “lunga prospettiva” di educazione scolastica e formazione, affrontati durante la sessione di Riccardo Garosci, Presidente del Comitato per l'Educazione Alimentare del MIUR, ha concluso individuando tre parole speciali che dovranno guidare il prossimo lustro di Educazione Alimentare in Italia che saranno Sostenibilità (ambiente migliore, rispetto del cibo e conoscenza del suo contesto), Alleanza Scuola-Impresa (per meglio preparare l’ingresso nel mondo del lavoro degli studenti) ed Internazionalizzazione (anche della cultura e della formazione). 
 


SINTESI SESSIONI DI LAVORO  

ROBERTA GARIBALDI, Research Board World Food Travel Association e Board del Word Gastronomy Institute
Turismo dell’Olio e del Cibo  –  Diventa importante essere consapevoli e rendere consapevoli gli operatori e le istituzioni, per favorire uno sviluppo sostenibile nei prossimi anni, guidato dagli standard qualitativi. Dal tavolo di lavoro emerge un interesse crescente da parte dei turisti verso le offerte enogatronomiche dedicate all'olio e un'offerta che deve ancora rafforzarsi. Per questo riteniamo importante strutturare un progetto pluriennale a supporto dell'evoluzione di questo settore affinché possa avvenire in un'ottica di crescita sostenibile e di qualità

MAURO AGNOLETTI, coordinatore gruppo paesaggio MIPAAFT 

Paesaggio Rurale Olivicolo – Ciò di cui abbiamo bisogno non sono alberi qualunque bensì olivi, perché gli olivi assorbono 11 tonnellate di Co2 ad ettaro, rispetto ad un bosco che ne assorbe circa 7. Inoltre l’olivo produce olio, quindi un alimento sano per la nostra Dieta Mediterranea. La sfida dell’Italia al cambiamento climatico quindi non può che essere una risposta culturale, pensando a quegli alberi che per noi significano la nostra storia e la nostra cultura.

ALBERTO MATTIACCI, docente di Marketing e Business Management UniSapienza Roma 

Produzione, Economia e Marketing – Il dibattito intorno al futuro dell’olio italiano parte dalla consapevolezza dei molti paradossi che lo connotano: quello della quantità -un paese che produce meno di quanto ne consumi- quello della qualità -un prodotto che non traduce la propria varietà in differenze cui il consumatore riconosce valore- quello del mercato -nicchie di eccellenza che non riescono a ispirare la morfologia del mercato. Il perimetro della sfida che ci attende è tracciato intorno a tre fenomeni esogeni e già attuali: la proliferazione dell’offerta, la sofisticazione dei consumi, il debole senso della parola qualità. Il dibattito ha messo in luce alcuni aspetti-chiave insisti in questa sfida, con lo scopo precipuo di metterne in evidenza la vera natura, al di là delle mode e degli slogan mediatici: sostenibilità, turismo, valori.  La conclusione è in una parola: education: dei consumatori ma anche delle aziende.

MARINO NIOLA, Antropologo, Scrittore, Giornalista

Cultura e Stile di Vita –  E’ molto importante in questo momento investire sulla narrazione, dell’olio in generale e della Dieta Mediterranea di cui noi poi siamo il pilastro centrale, che è quello che manca. Il nostro Paese si caratterizza per una grande produzione ed una insufficiente narrazione dei nostri capolavori alimentari, ed è fondamentale in questo momento fare questo lavoro sull’olio, che può essere veicolato dal successo crescente, dalla reputazione crescente, della Dieta Mediterranea. Non dimentichiamo che tra un anno è il decennale dell’iscrizione della Dieta Mediterranea nella lista Unesco; nel frattempo è arrivata quella dell’arte dei pizzaioli napoletani e ce ne sono altre ai blocchi di partenza, ci sono tante occasioni. Ma bisogna, lo ripeto da anni,costruire una narrazione all’altezza dei nostri prodotti, prendere esempio da quello che hanno fatto  i nostri Paesi, perché solo così si costruiscono le mitologie alimentari che poi sono la piattaforma indispensabile per il lancio di diversi prodotti.

PAOLO MASSOBRIO, giornalista enogastronomico

Identità Territoriale – Dal lavoro del panel su Identità Territoriale è emersa la necessità di un concetto nuovo di identità; non può esser più una identità narrata coi ricordi del passato, bisogna guardare al futuro. Ma il futuro dell’olivicoltura non è semplice, perché si produce meno olio, la polverizzazione aziendale è esagerata e si rischia di narrare qualcosa che non esiste più. Possiamo prendere in considerazione nuove cultivar, resistenti ai cambiamenti climatici e ad alcune patologie e persino alla terribile Xylella. E bisogna portare a produttività gli impianti olivicoli. Se le dimensioni sono troppo piccole, la produttività non c’è, non è conveniente e si rischia di perdere ulteriormente terreno favorendo altri Paesi.

RICCARDO GAROSCI, presidente del Comitato per l'Educazione Alimentare MIUR 

Formazione ed educazione – Per il sistema scolastico e quindi per il MIUR è fondamentale avere scadenze temporali. Perché i governi cambiano ma il lavoro continua. Le scadenze legate agli argomenti di estrema attualità quali la migliore conoscenza dell’universo alimentare, rimangono la priorità. Il 2020 vedrà l’uscita delle nuove linee guida nazionali sull’educazione alimentare e proseguiremo il percorso anche con l’Associazione Città dell’Olio sul tema specifico dell’olio EVO. Per noi è un prodotto facile da comunicare, ma che a nostra volta ci aiuta a far comprendere ai ragazzi delle scuole primarie elementari e medie qual è il valore delle materie prime. L’olio d’oliva è uno di quei prodotti più trasversali a quasi tutto lo scenario alimentare. I ragazzi rispondono bene e quindi proseguiremo su queste iniziative. L’altra grande novità è che attiveremo dall’anno scolastico 2020 l’educazione civica, che comporterà al suo interno la nuova materia di educazione ambientale e quindi l’educazione alimentare. L’agenda è quindi già bella piena. Le parole specialiche dovranno guidare il prossimo lustro di Educazione Alimentare in Italia saranno Sostenibilità (ambiente migliore, rispetto del cibo e conoscenza del suo contesto), Alleanza Scuola-Impresa (per meglio preparare l’ingresso nel mondo del lavoro degli studenti) ed Internazionalizzazione (anche della cultura e della formazione).


2019-12-07 11:14
Ultime notizie a Le Ultime Notizie
Ieri 18:14 PREMI AMNESTY 2020 PER LE MIGLIORI CANZONI: AL VIA LE SELEZIONI
Ieri 18:07 Il Castanea s'aggiudica la sfida testa-coda contro l'Aci Bonaccorsi
Ieri 18:04 “LA MAISON DE LOLA’” lo spettacolo di Burlesque e Varietà più frizzante della Capitale torna sul palco del Teatro Ivelise
Ieri 18:02 CONFETRA AL MINISTRO DEGLI INTERNI: RIATTIVARE SUBITO IL TAVOLO PER LA LEGALITÀ NELLA LOGISTICA
Ieri 18:00 TEFAF Maastricht | 7-15 Marzo | un primo sguardo alle proposte delle Gallerie
Ieri 17:54 NOSTOS il nuovo album di Andrea Cubeddu
Ieri 17:53 Crisi idrica ad Augusta: Federconsumatori offre assistenza ai cittadini
Ieri 17:50 In Val Badia In marzo le (ultime) sciate sono ancora più convenienti Dolomiti Super Sun al Posta Zirm Hotel di Corvara
Ieri 17:49 Il campo di internamento di Ferramonti, nel comune di Tarsia in provincia di Cosenza, è stato il più grande campo di concentramento fascista italiano
Ieri 17:47 San Valentino in cantina alle Tenute La Montina di Monticelli Brusati (BS)
Ieri 17:44 APPRENSIONE DAL FANCY FOOD SHOW DI SAN FRANCISCO ESPRESSA DA IMPORTATORI E PRODUTTORI IN VISTA DELLA REVISIONE SEMESTRALE DEI DAZI PREVISTA PER FEBBRAIO
Ieri 17:39 Cronoprogramma nuovo consiglio regionale
Ieri 17:34 Ferretti Yachts 500 apre una Nuova Era.
Ieri 17:31 “New Generation” un innovativo progetto di insegnamento scientifico ai giovani agricoltori camerunensi per la coltivazione di cacao e caffè sostenibili a livello economico e ambientale.
Ieri 17:27 Tesserino digitale, una discriminazione per i cacciatori anziani
Ieri 06:44 AL VIA I PREMI AMNESTY 2020 PER LE MIGLIORI CANZONI SUI DIRITTI UMANI
Ieri 06:35 "Regina sulla panca": il re è Tiger Dek
Ieri 06:31 IL PROSSIMO APPUNTAMENTO CON “JAZZ IN THE THEATRE” DELL’IVELISE SARA’ UN TRIBUTO AD ELLA FITZGERALD
Ieri 06:29 Al via il 7° Convegno sulle barche d’epoca, Varese nuovamente ‘capitale’ nazionale della nautica vintage
Ieri 06:25 Stagionalità, benessere e cucina naturale: il 2020 di Tinazzi all’insegna dell’armonia con i corsi di cucina naturale de La Sanamente
Ultime notizie a Italia
Oggi 01:52 In Edicola sul Fatto Quotidiano del 25 Gennaio:
Oggi 01:49 Grande Fratello Vip, Antonella Elia: «Francesca Barra? Non può prendermi per il c... La rivedo fuori». La replica: «Mi stai minacciando»
Oggi 01:49 Grande Fratello Vip, Alfonso Signorini scoppia in lacrime in diretta: «Vorrei dire tante cose...»
Oggi 01:43 Da Ginobili a Cassano, da D’Annunzio a Carofiglio: Reggina-Bari con la C non c’entra niente
Oggi 01:43 Le rivincite di Ronaldo motore per il Triplete Juve
Oggi 01:43 Morto a 39 anni Robert Archibald: primo scozzese in Nba, giocò anche a Pesaro
Oggi 01:43 Gigio, le prodezze valgono un 7,5. Ibra sbaglia ma è da 6. Tonali, piedi e regia da 7
Oggi 01:07 Daniele Paponi, un fattore in Serie C. E adesso la cadetteria lo punta
Oggi 01:07 Empoli, Muzzi verso l'esonero. Marino favorito per la panchina
Oggi 01:07 Fiorentina, si complica Juan Jesus: Dell'Orco e Igor le alternative
Oggi 01:07 Zaccheroni sul ritorno in Giappone: "Smentisco, andrò da turista"
Oggi 01:07 Bennacer: "Le vittorie cambiano tutto. Dobbiamo fare meglio di così"
Oggi 01:07 Lione, priorità alla difesa: obiettivo Akanji del Borussia Dortmund
Oggi 01:07 LIVE TMW - Corvino: "Tutte le big su Chiesa. Montella? Sfortunato"
Oggi 01:07 Pioli: "Rebic sta sfruttando il momento, è motivato. Donnarumma cresce"
Oggi 01:07 Marino su Da Cruz: "Meglio un fumantino che uno senza carattere"
Oggi 01:07 Udinese, fase di stallo per la cessione di Opoku all'Amiens
Oggi 01:07 Cesena, Martini: "Non c’è nessun ultimatum al tecnico"
Oggi 01:07 TMW - Fiorentina, sondaggio per Wendel: serve un posto per gli extracomunitari
Oggi 01:07 UFFICIALE: Athletic Club, Ganea ceduto al Viitorul fino a giugno
Oggi 01:07 Juventus, Emre Can lodato da Flick: "È un leader, può giocare ovunque"
Oggi 01:07 UFFICIALE: Bayer Leverkusen, Pohjanpalo passa in prestito all'Amburgo
Oggi 01:07 Le Panini Weeks della Lega Pro: album gratuiti allo stadio
Oggi 01:07 Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e ufficialità del 25 gennaio
Oggi 00:46 Roma, Indocina: Giada Curti porta ad Altaroma le atmosfere del film L'Amante
Oggi 00:46 Stasera in tv, C'è posta per te: anticipazioni su Giulia Michelini e Antonio Banderas
Oggi 00:46 Spadafora: «Il voto? Abituati agli scossoni. E Di Maio non tornerà capo»
Oggi 00:46 Tasse sul lavoro, bonus definitivo ma rischio tagliola
Oggi 00:46 Irpef, riforma da aprile: ipotesi alleggerimento delle prime due aliquote
Oggi 00:46 Luca Sacchi, lo sfogo di Anastasia: «Non sono dr. Jekyll e mr. Hyde»
Oggi 00:43 Milan, Bennacer: 'Lavoriamo sugli errori. Vogliamo vincere la Coppa Italia'
Oggi 00:43 Parma, nuovo colpo per l'attacco
Oggi 00:43 Parma, sondaggio per Januzaj
Oggi 00:43 Fiorentina, idea Igor
Oggi 00:43 Fabio Coentrao proposto in Serie A
Oggi 00:43 Juve, chi è in pole per Emre Can
Oggi 00:43 Roma, dalla Spagna anche Villar? Il suo allenatore: 'Offerta concreta'
Oggi 00:43 Torino, 3 club su Iago Falque
Oggi 00:43 Sassuolo, vicino un attaccante della Sampdoria
Oggi 00:43 Inter, Marotta a cena con intermediari per Eriksen
Oggi 00:43 Milan, cosa c'è dietro il malcontento di Paquetà
Oggi 00:43 Corvino: 'Le big vogliono Chiesa, Vlahovic può puntare a Barcellona e Real. Su Castrovilli...'
Oggi 00:43 Manchester United: un nigeriano per l'attacco
Oggi 00:40 Mostert, buona la settima. L’eroe dei 49ers scartato da 6 squadre in 18 mesi
Oggi 00:40 Giannis mvp anche a Parigi. L’Nba in festa premia i Bucks
Oggi 00:40 VIDEO Lukaku-Lautaro, un feeling perfetto. Ecco come funziona
Oggi 00:37 A metà stipendiorncon Nadia Whittome
Oggi 00:37 Il Pd riparta ritrovando rnil senso dell’appartenenza
Oggi 00:37 Pensioni: Macron va avantirnma la strada è ancora lunga
Oggi 00:37 Il potere cinese rntra verità e reticenze
Trova notizie dalla Italia su Facebook